Poche ore all’impatto

Crediti: NASALa NASA si prepara a scoprire se sulla Luna c’è l’acqua


Domani all’una e mezzo circa del pomeriggio, la NASA lancerà un razzo contro la Luna. Non si tratta di un incidente ma di un esperimento scientifico: il satellite Lunar CRater Observation and Sensing Satellite, LCROSS, lanciato dalla Terra il giugno scorso e attualmete in orbita intorno alla Luna, farà cadere nel cratere Cabeus, al polo sud lunare, un modulo esausto di razzo per sollevare una nuvola di detriti nella quale si spera di trovare tracce di ghiaccio. L’ingegnoso esperimento dovrebbe svelare i misteri delle aree in ombra del nostro satellite, che si pensano abbastanza fredde per trattenere l’acqua sotto forma di ghiaccio.
In questa pagina potete trovare tutte le informazioni per seguire l’evento in diretta.

Federica Sgorbissa
Federica Sgorbissa è laureata in Psicologia con un dottorato in percezione visiva ottenuto all'Università di Trieste. Dopo l'università, ha ottenuto il Master in comunicazione della scienza della SISSA di Trieste. Da qui varie esperienze lavorative, fra le quali addetta all'ufficio comunicazione del science centre Immaginario Scientifico di Trieste e oggi nell'area comunicazione di SISSA Medialab. Come giornalista free lance collabora con alcune testate come Le Scienze e Mente & Cervello.

2 Commenti

  1. Se si dovesse trovare acqua sotto forma di ghiaccio nelle zone in ombra si deve dedurre che in un’epoca molto remota l’acqua fosse liquida e quindi la temperatura di queste zone, attualmente in ombra, doveva essere superiore a 0°C. Consegue che la Luna doveva avere un moto di rotazione attorno ad un asse, per essere periodicamente riscaldata dal Sole, ed anche un’atmosfera. Mi domando qual era la direzione dell’asse di rotazione rispetto all’orbita lunare. Oppure la superficie lunare doveva essere interessata ad una intensa attività vulcanica per avere una temperatura più elevata. In questo caso credo che la maggior parte dei crateri lunari debbano essere di origine vulcanica.

  2. Bombing the moon appears to me the stupidest thing fhe man could do,apart the financial reasons of the authors of this event,for several reaons:
    the moon represents an environment in which the hand of the man was absent, till July 1969, which maintainance is not in conflict whith economic reasons;
    its mountains allow an evaluation of the erosion effects on the earth ones
    togheher with the sun is a good clock available to everyone, with an high reliability;
    according to my knolodges, the astronomic studies allowed to the man to know the earth age;
    any modification of the moon by the man makes more complicated the studies about the future evolution of its position:it would be more complicated, if not impossible, to understand if any change will have a natural cause or an artificial one;
    I think its periodic movement around the earth offers an index about the earth mass,already menaced by nuclear, geothermic energy and space flights:
    the moon makes a system with the earth to attract meteorites, the only low cost way which can partially compensate the earth mass losses;
    science has a limit in our skils to remember things: it is easier to see things than to remember data, so that to modify them is like to cancel the historical memory,and certainly the moon is one of yhe oldest thing we can admire;
    any study made in the past becomes old fashioned faster.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: