POLITICAULISSE

Open access o morte

POLITICA – Qual è l’obiettivo statutario delle fondazioni che finanziano la ricerca? Se lo chiedete a qualsiasi istituzione di questo tipo la risposta sarà più o meno riassumibile in: “stimolare la diffusione del sapere”. La realtà è diversa e ovviamente più complessa, ma l’ostacolo maggiore per un’effettiva circolazione del sapere scientifico è di tipo economico: di fatto i risultati delle ricerche vengono pubblicati spesso su riviste che costano un sacco di soldi.

Come dite? Esiste l’open access? Certo, ma volete mettere il lustro di pubblicare su una rivista prestigiosa a pagamento? La Wellcome Trust, la seconda fondazione al mondo per mole di finanziamenti erogati nel campo della ricerca medica (seicento milioni di sterline all’anno, oltre settecentocinquanta milioni di euro) ha detto basta. D’ora in poi i ricercatori che vogliono avere i soldi dall’istituzione inglese dovranno rendere liberamente disponibili al pubblico i risultati dei loro lavori.

Il direttore, Mark Walport, è da sempre uno strenuo difensore dell’open access, e da tempo la sua fondazione sta andando in questa direzione. Tuttavia le cose non stanno andando come dovrebbero, almeno secondo Walport, che al Guardian ha dichiarato: “Nonostante la nostra politica sull’open access sia stata messa in atto da oltre cinque anni, quasi la metà delle nostre pubblicazioni sono a pagamento. Questo è semplicemente inaccettabile, e quindi con effetto immediato ci sarà un inasprimento delle nostre direttive”.

In effetti è dal 2006 che la Wellcome Trust stimola i ricercatori a inserire gratuitamente sul database UK PubMed i paper entro sei mesi dalla data di pubblicazione. La fondazione britannica prevede anche il pagamento dei costi di pubblicazione sulle riviste accademiche, permettendo così ai ricercatori di scegliere una dei due modelli open access: quello “gold” e quello “green”. Seguendo il primo i ricercatori pagano in anticipo una quota alle riviste per mettere online gratuitamente i paper da subito (vedi PLoS). L’altro prevede invece l’archiviazione autonoma da parte dell’autore su qualche sito a libero accesso, di solito dopo un periodo di embargo. Il problema è che solo il 55% delle pubblicazioni sostenute di fondi Wellcome Trust sono liberi.

Ora però Walport si è stufato. Ha scritto una lettera infuocata ai vertici dell’istituzione chiedendo che tutti i paper associati ai loro finanziamenti rispettino la nuova politica: la Wellcome Trust si riserva di trattenere una parte dei contributi a chi non pubblica liberamente la ricerca, e il paper non sarà conteggiato nel calcolo delle successive assegnazioni di fondi.

Chissà se un’azione del genere darà i frutti sperati, ma una cosa è certa: in tempi di crisi l’istituzione risparmierà un bel po’ di quattrini.

3 Commenti

  1. Salve a tutti, io lavoro nel campo della ricerca e vorrei farvi notare come in realtà c’è una grande disinformazione riguardo l’open access.
    Concordo che per il bene del progresso sarebbe utile che tutti i ricercatori e anche i non addetti potessero avere accesso a tutte le pubblicazioni scientifiche, quando però sento parlare di open access e sento dire che chi non pubblica su queste lo fa solo per pubblicare su un giornale famoso, penso che molti non sappiano di cosa stanno parlando.
    D’accordo che gli abbonamenti alle riviste costano molto, ma solitamente sono acquistati, come ad esempio nelle università, dall’ateneo e sono accessibili a chiunque faccia parte della stessa rete con un ovvio risparmio a livello di singolo gruppo di ricerca.
    Se invece andiamo a controllare le riviste open access (alcune delle quali non hanno nulla da invidiare a riviste prestigiose in termini di impact factor, parametro considerato importante nella scelta della rivista su cui pubblicare), queste richiedono pagamenti per ogni articolo pubblicato che si aggira attorno ai 1000 euro.
    Questi fondi però devono essere attinti dalle risorse del singolo gruppo di ricerca, cosa abbastanza inaffrontabile considerati i miseri fondi che lo stato ci dà, almeno qui in Italia.
    Come esempio vi rimando al sito http://www.mdpi.com, nel quale potrete controllare come per pubblicare un singolo articolo su una rivista open access come molecules, con impact factor di circa 2, siano necessari 1400 franchi svizzeri, che corrispondono a circa 1200 euro.
    Spero che questo faccia capire a molti che non lavorano del campo che la scelta è spesso obbligata e dettata da un fattore puramente economico.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: