CULTURALIBRI

LIBRI – Domitilla, SOS operazione terra

Crediti immagini: Livia Marin

LIBRI – “Cari bambini, anche il nostro pianeta ha i suoi limiti, sembra infinitamente grande, ma non lo è. Ora si è ammalato. Immaginatelo però come un grande animale. Ci sono tante parti, tanti organi vitali, ogni parte serve a far funzionare la Terra. Queste parti ora si sono tutte ammalate. Io posso fare una medicina per curare la Terra, ma mi servono sei importantissimi ingredienti, e per trovarli mi serve il vostro aiuto.”

È da qui nasce l’avventura raccontata nel libro “Domitilla, SOS operazione terra”, una favola ecologica per ragazzi tra i 7 e i 14 anni.

L’inquinamento e un cattivo utilizzo delle risorse ha fatto ammalare il pianeta e ha creato una grande faglia sotto le Alpi. È per questo che due bambini, Teresa e Antonio, partono alla ricerca degli ingredienti che potranno salvare la Terra. In giro per il mondo incontreranno personaggi strani e divertenti che li aiuteranno a compiere la loro preziosa missione e a recuperare una piccola parte di tutte le “sfere” che aiutano gli scienziati a descrivere il nostro pianeta.

Il libro, edito Scienza Express, può essere letto a molti livelli e tocca in modo semplice e divertente diversi temi delicati: l’inquinamento, il rapporto dell’uomo con la natura, le difficoltà di comunicazione tra scienziati e non esperti, il tutto a misura di bambino.

“Nessuno ha fatto niente di male in particolare” dice ad esempio l’aquila Domitilla a Teresa e Antonio “non c’è un solo colpevole. Solo che tutti insieme avete fatto troppo. Siete in molti e siete aumentati di numero troppo in fretta. Vivete in città enormi. E avete bisogno di oggetti. Vi circondate di oggetti. Consumate tutto, avete bisogno di acqua dai fiumi, minerali dalle montagne, petrolio dal terreno, cibo dal mare. Siete un po’ come le termiti che divorano l’albero in cui vivono. Solo che loro non sono così grandi come voi. E poi loro rientrano in un ciclo vitale in cui consumano e poi producono natura. Voi… consumate la natura ma producete materiali e cose innaturali che non ritornano nella natura, almeno non abbastanza in fretta.”

Scritto dal giornalista scientifico Jacopo Pasotti, vincitore di numerosi premi, e illustrato da Laura Martinuzzi, il racconto fa parte della collana Scienza Junior, dedicata interamente ai lettori più giovani.

L’acqua primordiale, l’aria raccolta sulla cima dell’Everest, l’incontro con persone di culture diverse, le avventure con gli animali più strani. Ecco gli ingredienti di una fiaba ecologica allo stesso tempo divertente e ricca di spunti, adatta ad adulti e bambini.

Livia Marin
Dopo la laurea in fisica presso lʼUniversità di Trieste ho ottenuto il Master in Comunicazione della Scienza della SISSA. Sono direttrice responsabile di OggiScienza dal 2014 e, oltre al giornalismo, mi occupo di editoria scolastica.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: