Nucleare: ieri, oggi e domani

immagine nucleareASCOLTATE IL PODCAST!

[audio https://oggiscienza.files.wordpress.com/2013/05/5repost-nucleare.mp3]

LA VOCE DEL MASTER – Eccoci arrivati al quinto appuntamento con Re-post, il podcast del Master in Giornalismo Scientifico Digitale della Sissa di Trieste. Potete seguirci ogni due settimane sulle pagine di Oggiscienza.

In questa puntata parleremo della questione dell’energia nucleare in Italia, dove il dibattito è tutto fuorché esaurito. A che punto siamo? Ne parliamo con Franco Velonà, ingegnere nucleare ora in pensione ed ex Direttore Centrale di “Studi e Ricerche” all’Enel, e Annalisa Ambroso, ricercatrice presso l’azienda francese Areva.

Per Mr. Hyde, lo scienziato che non ti aspetti, abbiamo intervistato Ivan Satta, medico oculista, chirurgo e musicista sardo, che ci ha raccontato come è riuscito a conciliare musica e medicina durante la sua lunga carriera.

La rubrica Orwell vi farà invece scoprire La sindrome cinese, un film del 1979 in cui l’esplosione di una centrale nucleare viene evitata grazie al coraggioso intervento di un tecnico, dopo che i documenti sui controlli sono stati falsificati nel silenzio generale dei mass media.

Spot the Book, il nostro consiglio di lettura per voi, tratterà invece di “Day Hospital” di Valerio Evangelisti. Si possono raccontare la paura e il dolore? La testimonianza dell’autore, che ha vissuto sulla propria pelle l’esperienza del cancro.

Vi salutiamo infine con la rubrica Il Pangolino, parlandovi di mimetismo animale e in particolare del polpo mimetico, capace non solo di cambiare colore ma di imitare l’aspetto e il movimento di ben 15 altri animali.

Buon ascolto!

Credits:

Musiche – Ivan Satta – Ti vorrei vivere; Tom Tenney from freesound.org e Jo.ey – jo.e.y from Jamendo.com; Cary Bass – Imagine Radioactive from Jamendo.com; Cinematic Jazz & Classical 09 by Graphs&Grooves – Smooth_Horror

Films: La sindrome cinese, di James Bridge con Jane Fonda, Jack Lemmon, Michael Douglas – 1979

Informazioni su Cristina Da Rold (437 Articles)
Freelance (data) journalist and scientific communicator

6 Commenti su Nucleare: ieri, oggi e domani

  1. I rifiuti urbani in Italia sono migliaia di tonnellate al giorno, mentre il combustibile nucleare esausto sarebbe nell’ordine dei cento chili al giorno e contengono ancora il 90% di uranio, quindi nessuno si sogna di buttarle.
    Il fatto che manchi un sito per i rifiuti radioattivi (compresi quelli prodotto dagli ospedali e dall’industria) deriva dall’assenza della volontà di crearlo, così come l’opposizione popolare deriva dal fortissimo bias antinucleare dei mass media italiani.
    Come dice l’ing. Velonà, In Italia “per me non c’è la cultura scientifica”. Ecco perché è così importante OggiScienza: per impedire di scivolare del tutto in Idiocracy. Un film che pare sempre più un documentario.

  2. Il nucleare è morto , il fotovoltaico è morto , le biomasse e biocarburanti pure.
    CI SONO LE CENTRALI LENR.
    Sicuramente gli ingegneri nucleari e Enel ne sono informati e vi relazioneranno ,, O NO ?
    Beppe

  3. http://arxiv.org/abs/1305.3913 Cornell university library, non fate disinformazione programmata

    • Io preferirei che non si facesse disinformazione e basta, senza distinguere tra “programmata” e “spontanea” o “random”.
      Termografie per misurare il calore prodotto? E perché non qualcosa di ancora più complesso ed inaffidabile?
      E’ dall’inizio di questa storia che tutti i metodi semplici di misura vengono accuratamente evitati, quindi è normale che a chiunque sorgano dei sospetti. Tranne a chi VUOLE credere.

      Riporto le parole di un amico che condivido in pieno:
      “Allora, guarda, il discorso dal mio punto di vista semplicistico e’ questo. La
      domanda e’: quant’e’ alto questo giovane? Chi dice uno e trenta e chi dice uno
      e settanta, qualcuno dice due metri e ottanta.

      Ora arriva un tizio che fa delle misure precisissime usando un raggio laser IR
      riflesso da un prisma tenuto sul capo del ragazzo, e rimbalzato contro un’auto
      in movimento.

      A me IMPORTA MOLTO POCO se il laser e’ precisissimo, il prisma misurato con un
      errore dell’uno per mille e il tachimetro dell’auto e’ tarato da Gesu’. Quello
      che non capisco e’: ESISTENDO UN METODO SEMPLICE E A PROVA DI BOMBA, *perche’*
      straminchiazza si e’ andati a usare un metodo cosi’ farraginoso?

      Perche’, giusto per dirne un’altra, si deve STIMARE LA CONVEZIONE? Scherziamo?
      La convezione non si stima – si ELIMINA. Piazzi tutto in uno di quegli acquari
      a doppia intercapedine (sostanzialmente sono dei grossi calorimetri 🙂 ) e le
      misure le fai li’.

      Intendiamoci, io la risposta me la immagino benissimo – fin da quando ho letto
      che le pesate non sono state fatte sull’e-Cat “vero” ma su una copia che era a
      portata di mano, che era *identica* (l’hanno giurato nel nome di Yog-Sothoth).

      E la risposta e’ che “o cosi’ o niente”.

      Sicche’ i due stimati scienziati sono stati costretti a fare il meglio che era
      possibile con quello che gli e’ stato consentito di fare.

      E la mia domanda allora diventa (vedi esempio sopra): o perche’ questo ragazzo
      non me lo fanno misurare col metro da sarti? Sbagliero’ del dieci per cento, e
      va bene. Ma… perche’ fare le cose complicate? Non lo capisco.

      E io quando le cose non le capisco, divento sospettoso.”

      • e.sodato // 23 maggio 2013 alle 3:57 //

        Non capisco come , alla fine di cosi’ articolate e evidentemente competenti approfondimenti , non Le sorga spontaneo( assieme a tanti colleghi e bloggers scientifici) ‘toccare con mano ‘ quello che penso Lei ritenga il nuovo Tubo tucker ( testato all’universita’ turca),.. anche sommariamente e ‘sospettosamente’
        Credo stia parlando di cose che non ha mai visto , come me ,
        Se anche fosse farlocco al 50% , rimarrebbe interessante ..(IMPATTO ZERO )
        Se comprato e non va , chiunque chiederebbe subito i soldi indietro , la truffa funzionerebbe ?
        Non mi è chiaro cosa trattiene la sua comunita dal collaborare con l’antipatico elettricista che sperimenta una specie di Nuova applicazione termo elettrica, anche se non si chiama Edison ,e rifiuta di collegarlo al Suo termosifone..
        .. Lei e la sua comunita ha un compito gravoso: Dire quali sara’ il futuro di milioni di persone , anche di investimento delle risorse nazionali.x i suoi figli

        So che il medico che ha imputato l’ulcera ad un batterio,ha messo 10 anni a convincere i colleghi,
        forse anche la relativita’ era poco credibile
        e molte applicazioni sono state scoperte x caso
        e le auto a gas stan antipatiche ai benzinai

        Ben venga ogni approfondimento ,Grazie molte se vorra positivamente impegnarsi a cio’
        da profano , confido si eviti di cadere in http://www.novena.it/peccato/2.htm , da qualsiasi parte venga.

      • “Non capisco come , alla fine di cosi’ articolate e evidentemente competenti approfondimenti , non Le sorga spontaneo( assieme a tanti colleghi e bloggers scientifici) ‘toccare con mano ‘”

        Guardi, evidentemente non sono bravo a spiegarmi, oppure lei è bravo ad equivocare.
        “toccare con mano” è quello che da due anni in qua tutti chiedono al sig. Rossi.
        “rifiuta di collegarlo al Suo termosifone”
        Il mio termosifone è a disposizione, è l’E-Cat che non è a disposizione. E lei lo sa.

        “Lei e la sua comunita” Di chi sta parlando? Chi pensa che io sia?

        “Se anche fosse farlocco al 50% , rimarrebbe interessante”
        Guardi, per me è interessante anche se è farlocco al 100%, ma solo perché sono curioso.

        “Se comprato e non va , chiunque chiederebbe subito i soldi indietro , la truffa funzionerebbe ?”
        E’ forse per questo che Rossi continua a rimandare l’apertura delle vendite? Perché così nel frattempo può raccogliere capitale di rischio dagli investitori, senza consegnare nulla?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: