CRONACACULTURAULISSE

Un antico gioiello dallo spazio

Gerzeh beadCRONACA – La più antica testimonianza di un oggetto di ferro nella storia egizia rivelerebbe un’origine celeste. No, nessuna traccia di alieni però. Il materiale con cui è stato costruito l’ornamento sembra infatti provenire da un meteorite, secondo le nuove analisi di un gruppo di ricerca britannico, recentemente pubblicate sulla rivista Meteoritics & Planetary Science.

Rinvenuta nel 1911 in una tomba nel cimitero preistorico egizio di Gerzeh, la perla metallica è stata datata intorno al 3300 a.C., un periodo in cui nella regione era ancora sconosciuta la pratica di fusione del ferro, che si ritiene si sia diffusa molti secoli dopo.
L’origine meteoritica del metallo che compone l’ornamento era già stata suggerita da analisi effettuate dopo il ritrovamento, a causa dell’alta percentuale di nichel contenuto nella perla. Studi successivi, però, hanno messo in discussione questa ipotesi, ridimensionando il contenuto di nichel del manufatto o spiegandone la presenza come sottoprodotto di un processo di lavorazione di altri materiali.

Un’analisi moderna della perla, oggi conservata al Manchester Museum, ha permesso di chiarire i dubbi sulla provenienza del materiale di cui è composta. I ricercatori hanno utilizzato metodi non invasivi per valutare la composizione del metallo e ricostruire un modello tridimensionale della struttura interna dell’oggetto, confermando l’idea che il ferro utilizzato provenga da un meteorite.

Non è raro, sostengono i ricercatori, trovare nelle tombe preistoriche egizie oggetti insoliti, come pietre o materiali rari provenienti da territori distanti, cui veniva probabilmente attribuito un valore simbolico. Spesso ritrovati nelle sepolture di personalità di alto rango, si pensa che i più antichi oggetti di ferro non avessero una funzione pratica, dal momento che i primi utensili e le prime armi costruiti con questo metallo sono apparsi nella regione molto più tardi, intorno al sesto secolo a.C.

Crediti immagine: University of Manchester

1 Commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: