IL PARCO DELLE BUFALE

Il regalo dell’Ambasciatore

Un rimedio omeopatico sperimentale contro l'Ebola: un regalo alla Liberia da un'organizzazione italiana

IL PARCO DELLE BUFALE – Una doppia organizzazione internazionale di Novara ha regalato alla Liberia un rimedio omeopatico da sperimentare su 30 pazienti infettati con Ebola. In caso di efficacia, ne regalerà altri litri, con la benedizione del Parlamento Mondiale degli Stati per la Pace e la Sicurezza.

A Monrovia, in settembre, il Ministero degli Esteri di Freetown faceva sapere che:

un pacco di tre chili del rimedio omeopatico sperimentale, contenente dosi sufficienti per il trattamento di 30 persone infette da Ebola, è arrivato in Liberia dall’International Emergency Management Organization (IEMO) in Italia. L’arrivo del farmaco ha fatto seguito a due settimane di conversazioni telefoniche tra il Ministro degli Esteri, Augustine Kpehe Ngafuan, e la sede romana dell’IEMO. Secondo l’IEMO, il rimedio è una medicina alternativa acquosa … priva di effetti collaterali.

In una conversazione telefonica con il Ministro venerdì scorso, il dott. Alessandro Marini, presidente dell’IEMO, ha lasciato capire che quando l’efficacia del farmaco sarà confermata dal Ministero della Sanità, la sua organizzazione lo fornirà gratuitamente alla Liberia. (…) Per concretizzare il sostegno dell’IEMO, il dott. Manini ha detto che sta pianificando una missione di solidarietà e valutazione in ottobre.

Le Ong internazionali sentite dalla custode non hanno mai sentito nominare l’IEMO né il consociato Collaborative Inter-Government Scientific Research Institute né il dott. Marini, presidente di entrambi. Dal programma di una conferenza organizzata nel 2002 da un’associazione della polizia investigativa però, il dott. Manini risulta “Ambasciatore at Large” in Sierra Leone del Parlamento Mondiale degli Stati per la Sicurezza e la Pace.

Soggetto a dissapori tra i membri del Consiglio Supremo acuiti dalla morte del fondatore (1), tale Parlamento è un’iniziativa palermitana gestita da due investigatori. Esso stampa passaporti diplomatici, diplomi e titoli nobiliari di fantasia, per parenti, amici e parlamentari italiani e stranieri, tra i quali ex capi di Stato vivi o morti, e ministri in funzione o meno, sulla cui integrità le Nazioni Unite e Wikipedia parleranno solo in presenza dei propri avvocati.

Si ignora quale laurea o dottorato abbia acquisito l’Ambasciatore Manini, ma tra gli Enti autorizzati a stamparli dal Parlamento spiccano prestigiosi centri di cura e studi avanzati quali l’irreperibile Alternative Medicines Research Institute e l’Institute of Wellness Studies chiuso nel 2007. La loro non agibilità spiegherebbe come mai  l’acqua sperimentale  andasse provata in Liberia. La custode attende il rientro dell’Ambasciatore Manini a Novara – dov’è noto per militare a favore di alcuni alberi e contro un pozzo di petrolio – per chiedergli l’esito del trial clinico e della sua missione.

(1) Vittorio Maria Busa (Palermo 1941-2013),in arte “Sua Beatitudine Monsignor Viktor Ivan Busà, metropolita e arcivescovo di Bialystok, presidente della Repubblica di Danzica e della Repubblica democratica di Bielorussia, Grande Khan di Tartaria e Mongolia Viktor Timur II”.

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.    

Crediti immagine: Vittorio Busa, foto ufficiale

7 Commenti

  1. …il rimedio è una bevanda alternativa acquosa priva di effetti, anche collaterali, utile in caso di disidratazione avvertita prevalentemente come sete.

    Pene più severe per le frodi.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: