Sonnellino pomeridiano per i bimbi, sì o no?

Se i bambini dormono durante la giornata ne risente la qualità del sonno notturno, anche quella dei genitori. Ma le conseguenze su comportamento e crescita non sono ancora chiare

3841637775_8be272bb21_z
SALUTE – Riposino pomeridiano sì o no? Se c’è una domanda che ancora lascia le famiglie piene di dubbi è questa, e con una rapida ricerca online non tarderete a trovare molto materiale sulla linea del “sonnellino, meglio evitarlo?”, o al contrario “il pisolino fa bene, vi spieghiamo perché”. Eppure, come per molti altri argomenti legati alle abitudini in età pediatrica, è difficile in mancanza di una concreta base scientifica trovare una risposta che sia univoca, che vada bene per tutti i bimbi.

In questa direzione è andata una recente analisi pubblicata sulla rivista Archives of Disease in Childhood: i ricercatori hanno selezionato 781 studi tutti inerenti il sonno pediatrico, per poi selezionare tra questi i 26 più rilevanti, riguardanti nello specifico i bambini più grandi di due anni. Ne è emerso che dopo quest’età la maggior parte del sonno viene speso durante la notte e che far fare il pisolino ai bimbi durante il pomeriggio fa sì che nelle ore notturne dormano meno e si sveglino più spesso. Non siamo stupiti: in fondo accade lo stesso se a dormicchiare durante la giornata è una persona adulta, è capitato a tutti di farlo e di faticare poi a prendere sonno all’ora abituale alla sera.

Ma che consiglio può trarne una famiglia che non sa se lasciare indugiare il figlio/a nei sonnellini, o ha la possibilità di scegliere se farglieli fare all’asilo oppure no? Che è magari preoccupata sulle conseguenze di un sonno “a rate”, sia a breve che a lungo termine? “Intanto bisogna premettere che si tratta di una revisione della letteratura sull’argomento e non di uno studio prospettico ad hoc. I risultati, perciò, vanno presi con le pinze” spiega Federico Vigevano, direttore del Dipartimento di Neuroscienze all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma.

“Un bambino che dorme nel pomeriggio avrà più difficoltà ad addormentarsi la sera, si sveglierà più spesso ed è in questi termini che la qualità del sonno diminuisce. Ma questo è piuttosto ovvio: un bambino come un adulto ha delle necessità in termini di ore di sonno durante la giornata». Se farà il pisolino dormirà meno la notte insomma, e viceversa. Sonnellino sì o no quindi? “I ricercatori sono andati a vedere come cambia il sonno notturno, conteggiando per esempio quante volte i bambini si svegliano di notte se hanno già dormito di giorno. Ma specificano che, oltre alle ovvie conseguenze, sono solo cinque dei 26 studi osservati a parlare di comportamento e delle conseguenze che i pisolini possono avere su di esso”.

Privazione del sonno, cosa succede poi

E ne emergono visioni contrastanti: se secondo una pubblicazione i bambini che fanno il sonnellino sviluppano meglio il linguaggio, secondo un’altra avviene il contrario. Un’altra ancora ha riscontrato prestazioni migliori nei bimbi che riposavano durante la giornata. “Questo è il problema più importante, che ancora ci lascia senza novità: si analizza solamente come cambia il sonno notturno, ma non è chiar se c’è un’influenza sul comportamento o sulla crescita, e quale potrebbe essere”, spiega Vigevano.

Le conseguenze della privazione del sonno, a prescindere dal motivo (sonnellino o non) sono già piuttosto note. “Un bambino stanco sarà iperattivo, avrà maggiori difficoltà ad accettare le regole. Sul piano organico invece è stato osservato che se dorme di meno mangia di più. Aumenta l’appetito, aumenta l’irritabilità e con essi i problemi comportamentali. Un esempio, anche se spesso non ci si pensa, è la cefalea: esiste anche in età pediatrica e nulla facilita il mal di testa più della carenza di sonno”.

Qual è insomma la posizione degli esperti, in merito al pisolino pomeridiano sui bambini più grandi di due anni? Riusciamo a dire un sì o un no? “In genere si è d’accordo sul farglielo fare fino ai quattro, cinque anni. E come si legge nello studio, va considerata anche una variabile per così dire ‘egoistica’. Un bambino che non dorme la notte non fa addormentare neanche i genitori, condizionandone non solo il sonno ma il benessere, i ritmi di vita. Togliere il sonnellino porta così a un sonno notturno migliore per il bambino ed evita sia disturbato quello della famiglia, e questo è l’unico vero vantaggio di cui si possa parlare al momento. Se il bambino dorme bene durante la notte questo si ripercuote in maniera benefica su entrambi i genitori. Quindi alla fine anche su di lui”.

@Eleonoraseeing

Leggi anche: Sei felice quando parli con il tuo bambino? Se ne ricorderà

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   
Crediti immagine: Lars Plougmann, Flickr

Informazioni su Eleonora Degano ()
Giornalista scientifica freelance e traduttrice editoriale specializzata in zoologia, etologia e cognizione animale; dal 2013 collaboro soprattutto con l’edizione italiana di National Geographic e il magazine OggiScienza. Nel 2017 è uscito il mio primo libro, «Animali. Abilità uniche e condivise tra le specie» pubblicato da Mondadori Università. Lo trovate qui ➡ http://amzn.to/2i2diPu

4 Commenti su Sonnellino pomeridiano per i bimbi, sì o no?

  1. Se vengono rispettati gli orari dei bambini:pasti sonno gioco,tutto sarà naturale e”senza intoppi”i bambini,almeno fino ai 5 anni,devono(dovrebbero)consumare il pranzo sempre allo stesso orario(la regolarità normalizza le abitudini),12,30 si mangia,si fà l’igiene personale:dentini,manine,visetto,si gioca un pò,si fà un pisolino dalle 14 alle 15/15,30,(gli orari sono indicativi),ci si sveglia,si consuma la merenda,si gioca al parco,a scuola,in casa,insomma,si fà un pò di attività.Il pasto della sera per le 20,igiene personale,un pò di svago,entro le 21 a letto,così i genitori mangiano in tranquillità ed il sonno di ognuno sarà rispettato………il problema è che,attualmente,rispettare gli orari dei bambini non è facile,in genere i bambini si adeguano agli orari dei genitori…………

    • Io mi aspetto che a 4-5 anni (ma anche mooooolto prima) i bambini condividano la vita con i genitori e non ne facciano una separata.
      Tra l’altro non ho mai visto la possibilità di mangiare da solo come una di mangiare in “tranquillità” sarà che abbiamo mangiato SEMPRE tutti assieme che mio pare strano il contrario. Che insegnamento diamo ai bambini se li escludiamo dalla nostra vita in nome di una non meglio specificata routine?

  2. Mah… Le mie il sonnellino pomeridiano te lo facevano vedere in cartolina passati i 2-3 anni max., altro che 4-5.
    Onestamente non vedo il problema… se il bambino vuole fare il sonnellino, lo fa, ma se diventa una croce per tutti (tipo addormentamenti infiniti) non ne vale proprio la pena. Basta seguire le inclinazioni del singolo bambino e di certo non si sbaglia smile emoticon
    Ad esempio ogni tanto la piccola cade addormentata nei posti e nei momenti più assurdi, ma evidentemente ne ha bisogno perché poi il sonno notturno non ne risente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: