Leucemia linfatica cronica: verso una terapia risolutiva?

Uno studio sui topi ha evidenziato il ruolo dei macrofagi nella regressione della malattia. I tempi per un trial clinico potrebbero non essere troppo lunghi

Macrophage

I macrofagi, cellule del sistema immunitario, sono responsabili del progredire della leucemia linfatica crocica. Uno studio dell’Ospedale San Raffaele ha scoperto come attaccarli. Crediti immagine: Obli, Wikimedia Commons

SALUTE – La leucemia linfatica cronica colpisce una persona su 10 mila nei paesi occidentali. Non conosciamo l’origine della malattia e non sappiamo curarla a causa della sua profonda eterogeneità. Per alcuni si tratta di una progressione non grave, per altri pazienti il tumore procede in maniera molto aggressiva.

Le acque però nei prossimi anni potrebbero smuoversi. Uno studio pubblicato in questi giorni su Cell Reports da un team di ricercatori dell’Ospedale San Raffaele, ha aperto infatti la porta allo sviluppo di una possibile terapia risolutiva per questo tumore. I risultati della ricerca, sviluppata nell’ambito del progetto 5 per 1000 di AIRC e che ha riguardato per ora modelli in vitro e animali, hanno mostrato due aspetti finora sconosciuti: da un lato che i macrofagi, che sono cellule del sistema immunitario, sono i responsabili del progredire della malattia, dall’altro il team ha individuato delle vie terapeutiche per attaccare appunto i macrofagi, facendo addirittura regredire la malattia.

“Nei modelli finora analizzati, attraverso la strategia che abbiamo messo a punto, i topi mostravano un ritardo o una regressione dalla leucemia con una sopravvivenza migliore rispetto ai controlli non trattati” precisa Maria Teresa Sabrina Bertilaccio, ricercatrice del San Raffaele che ha condotto lo studio. La chiave di volta di questo progetto è stata l’idea di colpire non le cellule malate, che è l’approccio tradizionale su cui si basa per esempio la chemioterapia, ma di bersagliare il cosiddetto “microambiente cellulare”, cioè l’ambiente dove il tumore ha luogo e cresce. Questo microambiente è costituito dalle cellule del sistema immunitario che aiutano l’organismo a difendersi dagli agenti patogeni e dal cancro. “Per usare una metafora, l’idea qui è quella di utilizzare non uno ma più eserciti che avanzano parallelamente per colpire il tumore bersagliando l’ambiente in cui esso vive” spiega la Dott.ssa Bertilaccio.

All’interno del microambiente cellulare, i macrofagi sono cellule molto studiate oggi nella ricerca sul cancro (avevamo parlato di un’altra scoperta che coinvolge i macrofagi pochi giorni fa riguardo il cancro al fegato), ma finora era nota principalmente la caratteristica di queste cellule di supportare le difese del nostro organismo e poco si sapeva del loro ruolo nelle leucemie. Ora invece sappiamo che i macrofagi in realtà favoriscono la progressione del tumore e che, eliminando queste cellule, la leucemia si arresta e inizia a regredire. “Oggi dunque una strategia è proprio quella di bersagliare i macrofagi unitamente alle cellule tumorali. Noi in particolare abbiamo utilizzato degli anticorpi monoclonali che inibiscono la molecola CSF1R, un recettore presente sulla superficie del macrofagi.”

L’utilizzo degli anticorpi potrebbe essere un vantaggio enorme rispetto alla chemioterapia, dato che la somministrazione degli anticorpi, che avviene semplicemente per via endovenosa, non ha presentato al momento effetti collaterali nei modelli esaminati.

Insomma, sebbene la parola “guarigione” in medicina vada usata con molta cautela, specie quando si parla di cancro, in questo caso non si tratta di false speranze. “Anche se al momento la possibilità di implementare questa terapia sull’uomo è tutta da studiare, le premesse ci sono e sono ottime, i tempi per la messa a punto della fase clinica e per un’eventuale terapia potrebbero non essere troppo lunghi” conclude la ricercatrice. “Va detto infine che non si tratta di un’idea completamente nuova perché già da tempo si studiano terapie dirette al microambiente anche per tumori solidi con buoni risultati.

@CristinaDaRold

Leggi anche: Metastasi del fegato, una possibile via con la terapia genica

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

Informazioni su Cristina Da Rold (424 Articles)
Freelance (data) journalist and scientific communicator

2 Commenti su Leucemia linfatica cronica: verso una terapia risolutiva?

  1. Cristina Da Rold // 15 febbraio 2016 alle 11:51 // Rispondi

    L’ha ribloggato su Cristina Da Rold.

1 Trackback / Pingback

  1. Leucemia mieloide acuta: una sequenza di DNA non umana alla base dell’alterazione genica – OggiScienza

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: