ECONOMIA

Cronaca, esteri, politica, economia, cultura, costume e sport. Quando la ricerca esce dai laboratori e incontra la società.

ECONOMIAULISSE

Come garantire la sicurezza energetica in Europa?

L'Europa comprende alcuni degli stati più virtuosi per quanto riguarda lo sfruttamento delle risorse rinnovabili e l'attenzione all'efficienza energetica, ma nonostante questo per soddisfare il suo fabbisogno deve ancora importare, sotto varie forme, enormi quantità di energia dagli altri paesi. Qualche numero: importiamo il 66% del gas naturale, l'88% di petrolio, il 42% dei combustibili solidi (diversi tipi di carbone) e il 95% dell'uranio, pari al 53% dell'energia consumata. Niente di grave in linea di principio: l'energia si può commerciare come qualsiasi altra risorsa. Il problema sorge invece quando si mettono troppe uova in un solo paniere, ovvero quando troppi stati consumatori dipendono da uno solo o pochi stati fornitori, magari non troppo stabili dal punto di vista geopolitico. In questo caso si crea un rapporto di dipendenza che in alcune circostanze mette a dura prova le economie.
AMBIENTEECONOMIAULISSE

Italia rinnovabile, bella e impossibile?

È stata da pochi giorni presentata dalla Commissione Europea la nuova proposta strategica per il clima e il settore energetico (entro il 2030 riduzione del 40% delle emissioni di gas a effetto serra rispetto ai dati del 1990 e produzione del 27% di energia da fonti rinnovabili). Ne abbiamo parlato con Gianfranco Padovan, presidente di Energoclub, associazione impegnata nella promozione delle rinnovabili in Italia.
ECONOMIAULISSE

Disinvestire in ricerca

Ispirata dai teorici del libero mercato, la redazione ha steso una bozza di legge sui cervelli in fuga che consente di eliminare spese inutili, fare cassa, ridurre il deficit dello Stato e garantire il benessere delle generazioni future.
ECONOMIAULISSE

La francesina

Cervello in fuga da Parigi al Massachusetts Institute of Technology, minuta, determinata, accento da ispettore Clouseau, Esther Duflo è una grande economista le cui ricerche servono a lottare con mezzi "evidence-based" contro la povertà, per i diritti umani e il buon governo.
ECONOMIA

11 centimetri in più

Da un secolo all'altro gli europei hanno guadagnato 11 centimetri in altezza, parola di Timothy J. Hatton professore di economia alla Australian National University e all' University of Essex. Usando dati raccolti dalla metà del 1800 al 1980 emerge che in 15 nazioni europee l'altezza media di un uomo adulto è notevolmente aumentata.
ECONOMIAULISSE

Cervelli all’asta

Modesta proposta, per dirla con il reverendo Swift: invece di regalare ad altri paesi cervelli la cui formazione è costata ai contribuenti dai 250 mila euro in su, perché non venderli o noleggiarli al miglior offerente?
1 2 3 8
Page 1 of 8