mercoledì, Settembre 18, 2019

archivebambini

CRONACA

L’evoluzione della salute infantile

NOTIZIE - Per comprendere la salute e i meccanismi che provocano malattie in età infantile (non infettive e non collegate a recenti "discrepanze" fra l’ambiente in cui viviamo e il nostro fenotipo – il nostro organismo fisico, insomma) è necessario assumere una prospettiva evolutiva che esamini a fondo i conflitti genetici (fra genitori e figli e fra i genitori stessi), come spiega Bernard Crespi in un articolo su PLoS One. L’essere umano infatti si riproduce sessualmente e investe notevoli energie nella cura della prove, prole che passa un lungo periodo in una fase pre-adulta. In questo panorama, dal punto di vista selettivo, esistono notevoli conflitti fra i diversi attori in gioco. Esiste un conflitto (che si esprime a livello genetico) fra il bambino e genitori (in particolare la madre): l'evoluzione privilegerebbe da un lato bambini con geni che esprimono comportamenti per massimizzare l’investimento materno, dall'altro madri con geni che esprimono comportamenti che tenderebbero a ridurre questa richiesta (quanto più possibile senza compromettere la sopravvivenza della prole).
COSTUME E SOCIETÀ

A pranzo con Braccio di ferro

Il celebre cartone, insieme a qualche attività mirata da fare con i più grandi, aiuta a far mangiare più verdura ai bambini. COSTUME - Chi scrive ha sempre amato le verdure e ha sempre trovato Braccio di ferro vagamente fastidioso, quindi non fa testo. Se però avete a che fare con bambini refrattari a spinaci e carote, vale la pena di provare a seguire i suggerimenti di un gruppo di ricerca della Mahidol University, a Bangkok: per migliorare l'apprezzamento per le verdure, basta coinvolgere i piccoli in incontri di "degustazione" di frutta e...
LA VOCE DEL MASTER

Internet: io uso la testa

Facebook, Skype, Msn, Netlog: in questo modo comunicano le nuove generazioni. Spesso i siti di social network sono presi di mira da specialisti dell’infanzia, etichettando Internet come un luogo pubblico non adatto ai bambini, in cui si corrono moltissimi rischi, e dove una chiacchierata intelligente e costruttiva si può trasformare in una comunicazione pericolosa. Dalle testimonianze dei bambini della scuola elementare e media italiana di Buie (Croazia), intervistati per OggiScienza, sembra, però, che i giovanissimi conoscano bene i potenziali rischi e le precauzioni da prendere. In questo complesso contenitore di...
1 7 8 9
Page 9 of 9