mercoledì, Aprile 8, 2020

archivecrevello

Il cervello in trasparenza

Un gruppo giapponese è riuscito a rendere trasparenti i materiali biologici. Sperimentato con successo su cavie, si spera possa servire a studiare in grande dettaglio i circuiti neurali dell'uomo.

Di pancia o di testa?

CRONACA - Un cervello grande si accompagna a una riduzione di dimensioni dell'apparato digerente. Il fenomeno è stato osservato per la prima volta in maniera diretta nei pesciolini della specie Poecila reticulata (comuni negli acquari casalinghi). L'ipotesi del "tessuto costoso" dice più o meno che un cervello grande ha innegabili vantaggi (abilità cognitive più sviluppate, dunque aumentate capacità di sopravvivenza, sia dal punto di vista del procacciarsi il cibo che da quello di sfuggire ai predatori ) ma ha un costo energetico enorme (nell'essere umano la massa del cervello corrisponde a solo il 2% dell'intero corpo ma succhia il 20% delle energia spesa complessivamente). Dunque una specie che via via incrementa atraverso la selezione naturale il volume cerebrale (ammettendo un "assetto" energetico stabile) deve togliere altrove, ma dove? L'ipotesi più accreditata è che l'organo più colpito sia il tratto digerente (cervello e tratto digestivo sono i due tessuti energeticamente più costosi in assoluto) ma finora le uniche prove a favore di quest'ipotesi si sono ottenute solo attraverso correlazioni e la comparazione di specie diverse. Manca una verifica sperimentale diretta, ma un nuovo studio pubblicato su Current Biology prova per la prima volta a colmare la lacuna