CRONACAULISSE

Quell’arrampicatrice di Lucy

CRONACA – L’hanno ritratta con un’andatura goffa e ciondolante, o in una posizione più stabilmente eretta, già simile alla nostra. Ma se Lucy avesse in realtà passato buona parte del suo tempo appesa agli alberi, come la maggioranza dei primati? È lo scenario che emerge da un recente studio apparso nei giorni scorsi su Science. David Green della Midwestern University e Zeresenay Alemseged della California Academy of Sciences hanno analizzato attentamente, e per la prima volta, le due scapole dello scheletro fossile Selam, una femmina di Australopithecus afarensis di circa 3 anni, la stessa specie a cui apparteneva Lucy. In precedenza, i paleoantropologi non avevano mai avuto a disposizione un set completo di scapole per questa specie, e non vi erano elementi sufficienti per stabilire se Lucy e compagni fossero ancora parzialmente legati alla vita arboricola.

Ci sono voluti ben 11 anni per estrarre le scapole dal resto dello scheletro di Selam, rinvenuto nel 2000 a Dikika, in Etiopia, inglobato in un blocco di arenaria. D’altronde, i ritrovamenti di queste ossa sottili e fragili sono talmente rari da giustificare uno sforzo di tale portata.

Le scapole, una volta estratte, sono state digitalizzate da Green e Alemseged, utilizzando un microscribe, uno strumento in grado di realizzare scansioni tridimensionali. Gli studiosi hanno quindi raccolto tutta una serie di misurazioni sistematiche che hanno permesso loro di mettere in relazione forma e funzione delle ossa, comparandole alle poche scapole note di altri antichi nostri progenitori. Nell’analisi comparativa sono state incluse come controllo anche scapole di esemplari giovani e adulti delle scimmie antropomorfe e di esseri umani attuali. I risultati dello studio delle forme e delle funzioni hanno messo in evidenza che le scapole di Selam erano più marcatamente “scimmiesche” che umane, suggerendo che fosse ancora adattata a una vita in parte arboricola. Come Selam, tutti i membri della specie Australopithecus afarensis, nonostante l’andatura già bipede (più o meno goffa che fosse), erano dunque dei provetti arrampicatori.

Questa scoperta, nelle parole di Alemseged, “conferma il posto cruciale che questa specie occupa nell’evoluzione umana”. E suggerisce che i nostri antenati potrebbero esser “scesi dagli alberi” molto più tardi di quanto molti studiosi hanno creduto finora.

Ma se ancora Selam e Lucy conducevano una vita in parte arboricola, quando si adattarono del tutto alla vita terrestre? L’obiettivo dei paleoantropologi, nei prossimi anni, sarà tentare di avvicinarsi di più alla giusta risposta per questa domanda.

Crediti immagine: Mpinedag

1 Commento

  1. Lucy è una scimmia: è piccola, si arrampica sugli alberi, era pelosa. E’ una scimmia, altro che antenato dell’uomo ! E’ una comune scimmia di quelle che esistono ancora oggi in Africa-

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: