mercoledì, Dicembre 19, 2018
IL PARCO DELLE BUFALE

Il giovane dell’arco costituzionale

IL PARCO DELLE BUFALE – L’università di Milano-Bicocca invita a “Soffocare. Strategia per la sopravvivenza”, un convegno interdisciplinare che si terrà il 23 e il 24 novembre prossimo. Affronterà ambiti di ricerca ai quali una nuova Agenzia dovrebbe dedicarsi entro il 2013 .

Al contrario degli irriverenti che lo hanno ribattezzato Soffocare. Strategia per non pagare il conto, la custode trova significativo il titolo sia dell’incontro che di certi interventi. Sabato 24, per esempio

ore 11.40 Fabrizia Barresi, Annamaria Colombo,Emilio Del Giudice, Alberto Tedeschi
La respirazione dell’acqua alla base della dinamica della vita

ore 12.40 Emilio Del Giudice
Il ruolo della coerenza nella respirazione

Di sé, Fabrizia Barresi scrive (link aggiunti dalla custode) di aver avviato nel 2003 con il cantante

Alberto Tedeschi uno studio sperimentale sugli effetti della Biorisonanza Olografica (Holographic Bioresonance®) sul suono vocale e sulla performance artistica

e di partecipare

regolarmente con delle performances di improvvisazione vocale a cappella ed uso di tecnologie create appositamente… a lezioni di fisica quantistica e fisica dell’acqua tenute da vari studiosi… fra i quali il prof. Emilio Del Giudice.

Di biorisonanza, coerenza, fisica dell’acqua “informata” e conseguente rivoluzione della medicina parla anche un disegno di legge che va ancora approvato al Senato (vedi documentazione). Per proseguire i lavori di Luc Montagnier et al. già elogiati su Oggi Scienza, istituisce un’Agenzia nazionale di biofisica informazionale dotata di 30 ricercatori e di 5,7 milioni di euro/anno. In luglio, il senatore Benedetto Adragna (PD) presentava il disegno di legge firmato da tutti i capigruppo: Mauro, Finocchiaro, Gasparri, D’Alia, Lanutti, Bianconi e Thaler Hassenhofer. In quell’occasione, faceva sapere il sen. Adragna, il ministro Profumo disse:

 Sono colpito positivamente della risposta della politica verso la costituzione di questa Agenzia… La qualità della ricerca e l’attenzione rivolta ai giovani ricercatori credo siano un segnale importante per il nostro Paese, in questo particolare momento storico.

Il sen. Adragna è sicuro che l’Agenzia aprirà entro l’anno prossimo. La custode un po’ meno. Oltre agli atti del Senato, raccomanda comunque questi articoli di Francesco Crescentini, di Pescara anche se nel primo risulta dell’università La Sapienza di Roma. Dal giugno 2011 l’odontoiatra a è infatti

 Progettista dell’ Agenzia Nazionale di Ricerca per la Biofisica Informazionale ( Prog. Di legge 2282 del Senato ); dal febbraio 2011 Responsabile Ricerca e Sviluppo, Divisione  Biofisica Informazionale della Natural Pharma…  S. Maria Imbaro (Chieti).

Nel suo piccolo, anche la custode è colpita dall’attenzione rivolta dalla politica a quel “giovane ricercatore” e alla qualità della ricerca…

Crediti immagine: Francesco Gasparetti dal Senigallia, Italy

8 Commenti

  1. Oramai queste perle della Custode sono materia vitale per me. Il profumo comunque è da un po’ che è diventato olezzo. Spiace dirlo ma la scienza, salvo qualche isola che resiste, per quanto poi ?, è anch’essa berlusconizzata. Ad Majora(na)

  2. @Leopoldo
    “più bufale per tutti” è la promessa di politici e media, con lodevoli eccezioni ,ma nell’insieme la scienza resiste, aspettiamo a disperare.

    @Juhan
    Sareste benvenuti tu e Dirk (quanto ci manca!), la gardienne est débordée.

  3. Vorrei ricordare a chi ha scritto l’articolo sull’Agenzia Nazionale di biofisica Informazionale che la stessa ha già superato tre sottocommissioni costituite da persone esperte, ha fatto una consensus conference con le università italiane e straniere, ha fatto una presentazione ufficiale al ministro Profumo che ha approvato, all’istituto superiore di sanità che ha approvato, alla settima commissione della quale il presidente Possa, ingegnere nucleare, ha perorato la causa, ha destato interesse in 20 nazioni nel mondo e non per fini politici ma perchè hanno visto i risultati, ci sono progetti di ricerca in corso con varie università italiane sull’argomento. Le tecnologie di cui si parla sono già applicate in vari ospedali italiani e presto stranieri con relativi comitati etici. Non c’è niente in comune con la medicina alternativa o biorisonanza o medicina quantistica. La biofisica Informazionale è lo studio della comunicazione fisica cellulare, scienza già portata avanti da eminenti scienziati nel mondo e i cui studi stanno cambiando una serie di paradigmi biologici. Poi se per caso una serie di giovani ricercatori italiani dovessero trovare posto in un’Agenzia di questo tipo, forse potrebbero fare a meno di fare i precari, facendo perdere a questa nazione, ormai in decadenza, energie preziose per progettare il futuro. Io personalmente ho studiato per 33 anni il bioelettromagnetismo e direi che se questa componente importante della fisiologia fosse maggiormente insegnata e quindi conosciuta si parlerebbe meno e si farebbero più brevetti. Dice S. Giovanni della Croce:- se vuoi andare in un posto che non conosci, devi fare una strada che non conosci. Forse ci vorrebbe più prudenza nel parlare.

    Francesco Crescentini

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: