Open data governativi: uno strumento politico?

Open government data – justgrimes, FlickrASCOLTA I PODCAST!


Alberto Cottica


Luca Corsato

JEKYLL – La diffusione degli open government data ha ricevuto un grande impulso nel 2009, quando l’amministrazione Obama ha promulgato l’Open Government Directive. Secondo il documento, «le agenzie devono pubblicare le informazioni on line utilizzando un formato aperto (open) che possa cioè essere recuperato, soggetto ad azioni di download, indicizzato e ricercato attraverso le applicazioni di ricerca web più comunemente utilizzate.»

In effetti, i dati aperti delle pubbliche amministrazioni costituiscono una grande risorsa. Secondo l’Open Data Handbook, i dati pubblici aperti favoriscono la trasparenza e il controllo democratico, la partecipazione, il miglioramento dei servizi, solo per citare alcuni degli aspetti più evidenti.

cotticaQuesto scenario con sempre più dati open sembra decisamente promettente. Tuttavia, secondo un articolo pubblicato recentemente sul Guardian, sarebbe invece opportuno studiare a fondo come vengono pubblicati e modellizzati i set di dati governativi. Tim Davies, ricercatore presso la University of Southampton e autore dell’articolo, si sofferma sul fatto che in realtà non dovrebbe sorprenderci la natura politica dei dati e della loro interpretazione. La stessa progettazione di un set di dati ha un grande impatto sulla politica che si può fare con esso.

Che cosa succede realmente nel passaggio delle informazioni dalle istituzioni al cittadino? L’apertura dei dati diventa efficace quando è libera da condizionamenti giuridici, finanziari o tecnologici, ma è anche evidente che non tutti sono in grado di avere accesso ai dati o di leggerli e interpretarli correttamente. Si sta forse creando un gap di conoscenza tra chi dispone delle risorse per analizzare i dati e chi invece deve affidarsi all’interpretazione di un altro soggetto? L’attribuzione di significato a un determinato set di dati può essere in qualche modo univoca e non condizionata da interessi esterni? Ne abbiamo discusso con l’economista Alberto Cottica (sì, proprio lui, l’ex fisarmonicista dei Modena City Ramblers e attualmente impegnato con i Fiamma Fumana) e con Luca Corsato, entrambi membri di Spaghetti Opendata, corsatola comunità dei cittadini italiani interessati al rilascio di dati pubblici in formato aperto, in modo da renderne facile l’accesso e il riuso. Prima di tutto, per poter riconoscere l’eventuale natura politica dei dati, sarebbe opportuno distinguere tra policy e politics, due parole in apparenza simili, ma dal significato molto diverso.

Crediti per le immagini:

In apertura, Open government data, justgrimes / Flickr
Alberto Cottica (con la fisarmonica),  Giò-S.p.o.t.s. / Flickr
Luca Corsato (in bianco e nero), Licenza IODL 2.0

Informazioni su Antonio Pilello (4 Articles)
Science Communicator

1 Trackback / Pingback

  1. Open data governativi: uno strumento politico? | The Final Frontier

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: