mercoledì, Dicembre 19, 2018
eventiULISSE

Oggi al via la decima edizione di “M’illumino di meno”

logo-millumino-20142EVENTI – Il 14 febbraio non è solo una data da tenere a mente per non fare figuracce con la propria fidanzata o il proprio fidanzato, ma soprattutto per ricordare di fare un gesto etico, per quanto piccolo, nei confronti dell’ambiente. Oggi infatti è il “M’illumino di meno” day, una campagna di sensibilizzazione sul risparmio energetico con l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica e il Patrocinio del Parlamento Europeo giunta ormai alla sua decima edizione e che si festeggia in tutta Italia con una serie di eventi a tema. Ideatrice e locomotiva dell’iniziativa è la trasmissione radiofonica Caterpillar di Radio 2, che anche quest’anno propone di “spegnere” le nostre case, le piazze, i negozi per l’intera giornata, come silenzioso gesto di adesione e di partecipazione all’iniziativa, ma soprattutto come atto sensibilizzante. Novità di questa edizione è stata la proposta ai musei nazionali di rinunciare alle luci elettriche su almeno uno dei capolavori esposti, come segno rafforzativo e chiaramente simbolico della necessità di un cambiamento energetico che sia prima di tutto culturale.


Sono tante le città sparse lungo tutto lo stivale che hanno già aderito. La piazza del Campidoglio a Roma verrà spenta e poi illuminata, dalle 18.00 alle 19.30, grazie a delle biciclette ad energia cinetica. Inoltre, il sindaco di Roma Ignazio Marino e l’Assessore alla Cultura Flavia Barca parteciperanno alla “pedalata ecologica” a cui è invitata tutta la cittadinanza. Anche a Milano le iniziative non mancano: si farà a meno dell’elettricità alla Triennale, che lascerà al buio per mezz’ora la mostra GOLA – Arte e Scienza del gusto. In questo lasso di tempo i visitatori potranno partecipare a esperimenti sensoriali per dimostrare come il sapore di un piatto sia influenzato dalla vista. A Bologna invece per celebrare la giornata del risparmio energetico saranno spente, come di consueto, le luci della facciata di Palazzo d’Accursio oltre quelle sulla statua di Nerone esposta nell’atrio del Museo.


Ma queste sono solo alcune delle iniziative. Con un semplice gesto, dalla sede di Radio 2 saranno spenti contemporaneamente la facciata del Quirinale a Roma e i lampioni di Piazza San Marco a Venezia, l’Arena di Verona, il maschio Angioino a Napoli e gli Uffizi di Firenze.
Ma come sempre, quella che conta è l’adesione dei cittadini: è possibile infatti ufficializzare l’adesione scrivendo a caterpillar@rai.it, mentre per l’adesione 2.0 è sufficiente postare su FB la propria modalità di partecipazione e personalizzare l’immagine del proprio profilo con l’apposito logo di M’illumino di meno.

Cristina Da Rold
Giornalista freelance e consulente nell'ambito della comunicazione digitale. Soprattutto in rete e soprattutto data-driven. Lavoro per la maggior parte su temi legati a salute, sanità, epidemiologia con particolare attenzione ai determinanti sociali della salute, alla prevenzione e al mancato accesso alle cure. Dal 2015 sono consulente social media per l'Ufficio italiano dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. Il mio blog: www.cristinadarold.com Twitter: @CristinaDaRold

4 Commenti

  1. La piazza del Campidoglio a Roma verrà spenta e poi illuminata, dalle 18.00 alle 19.30, grazie a delle biciclette ad energia cinetica: Ottima iniziativa, così magari ci si renderà conto di quanto sia importante il poter disporre di abbondante elettricità a condizioni davvero RAGIONEVOLI e SOSTENIBILI. (Ho paura, che dopo pochissimi minuti, la luce comincerà ad affievolirsi, divenire intermittente, fino a spegnersi nuovamente, perchè i ciclisti saranno … spompati!).

    Sarebbe anche bene, una volta tanto, approfittare di queste occasioni, non solo per spegnere le luci, ma per ricordare che occorre ACCENDERE, invece, tanta luce nei Paesi poveri e sottosviluppati del Pianeta, dove 1,3 miliardi di nostri simili ancora non possono disporre dell’elettricità !!!

    Poi, magari, per innovare un pò il tema e dare maggiore riscontro a positive iniziative, sarebbe anche il caso di fare qualche dimostrazione di come sarebbe molto utile e positivo per l’ambiente e per la salute, se si incentivasse l’utilizzo dell’elettricità per il riscaldamento civile nelle abitazioni, soprattutto nelle grandi città (dove vengono fatte quelle dimostrazioni), in sostituzione degli altri modi di alimentare tale riscaldamento civile.

  2. proprio nella stessa settimana il notiziario pubblicato via e-mail dal comune di novara comunicava ai cittadini che avrebbe ripristinato ed incrementato l’illuminazione pubblica in varie zone della città. no comment…
    mg cangemi

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: