ULISSEWHAAAT?

Sei un cinico? Rischi la demenza senile

3794639377_c25678c562_b

WHAAAT? Il venerdì casual della scienza – Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio. Se è uno dei capisaldi con cui affrontate la quotidianità, un nuovo studio potrebbe portarvi a rivedere il vostro approccio alla vita. Per il vostro bene. La ricerca, pubblicata su Neurology, ha indagato per la prima volta il nesso tra la sfiducia cinica e la demenza senile, dove con sfiducia cinica si intende il partire con il presupposto che il vostro prossimo sia motivato unicamente da spinte egoistiche. Questo tipo di atteggiamento piuttosto pessimistico era già stato associato in precedenza ad altri problemi di salute, in particolare quella cardiovascolare.

Come spiega Anna-Maija Tolppanen della University of Eastern Finland di Kuopio, “questa scoperta va ad aggiungersi all’evidenza che il modo in cui le persone affrontano la vita, insieme alla loro personalità, può avere conseguenze anche sullo stato di salute”. Scoprire in che modo un tratto come il cinismo possa influenzare il rischio di sviluppare demenza può fornire agli scienziati spunti molto importanti, su come intervenire sui pazienti e ridurre il rischio di veder compromesse le loro capacità intellettive con l’avanzare dell’età.

Lo studio ha coinvolto 1.449 persone tutte intorno ai 71 anni, che seguite per quasi dieci anni sono state prima testate per la demenza senile, e in seguito hanno risposto a un questionario tramite il quale veniva misurato il loro livello di cinismo. Come si valuta una cosa simile? In base a quanto ci si trova d’accordo con affermazioni quali “penso che la maggior parte delle persone mentirebbe per fare strada”, “è più sicuro non fidarsi di nessuno” e “la maggior parte delle persone fa scelte poco oneste per ottenere un profitto o un vantaggio, piuttosto che perderlo”. Basandosi sui punteggi ottenuti dalla compilazione del questionario, i partecipanti sono stati poi divisi in tre gruppi: persone poco ciniche, moderatamente ciniche e molto ciniche.

Per quanto riguarda il test per diagnosticare la demenza, 622 persone l’hanno completato due volte, la seconda a circa otto anni dall’inizio dello studio. A 46 di queste è stata effettivamente diagnosticato il disturbo. Partendo tuttavia dal presupposto che anche altri fattori (oltre ad un’attitudine al cinismo) potevano influire sul rischio di svilupparlo, i ricercatori hanno elaborato i dati della loro indagine includendovi elementi come elevata pressione sanguigna, colesterolo alto e fumo. Anche tendendo conto di queste caratteristiche, è emerso che le persone ciniche hanno il triplo di possibilità di sviluppare demenza senile rispetto a quelle meno ciniche.

Insomma, un approccio più positivo alla vita potrebbe beneficiare non solo chi vi sta intorno e deve avere a che fare con voi, ma anche la vostra salute dopo una certa età. Ora che lo sapete, potete prendervi per tempo iniziando a mettere da parte la sfiducia cinica. La buona notizia è che il team di scienziati finlandesi ha indagato se il cinismo fosse anche potenziale causa di una morte precoce. Le persone studiate in questo caso erano 1.146, 361 delle quali sono morte nei dieci anni di follow-up previsti dalla ricerca. Se inizialmente i decessi sembravano associati al cinismo, una volta che sono stati considerati altri fattori determinanti come salute generale, condizione socioeconomica, comportamento e abitudini come il fumo, la correlazione è sparita.

Crediti immagine: Grahambones, Flickr

blogfest-2012-blog-postTi è piaciuto questo post? Segnalalo per il premio “miglior articolo o post del 2014“ dei Macchianera Awards! Ricordati di scegliere la categoria Sotto42: mia14bestpost! Per saperne di più.

Eleonora Degano
Biologa di formazione, oggi giornalista e traduttrice freelance specializzata in zoologia, etologia e cognizione animale; collaboro soprattutto con l’edizione italiana di National Geographic e faccio parte della redazione di OggiScienza. Nel 2017 è uscito il mio primo libro «Animali. Abilità uniche e condivise tra le specie» pubblicato da Mondadori Università. Lo trovate qui ➡ http://amzn.to/2i2diPu

6 Commenti

  1. Vita sedentaria: sì; sport: quasi zero, se si escludono 3-4 km di camminata veloce al giorno; fumo: ormai sono oltre (e non solo “oltre” il fumo: assumo così pochi “tossici” che quasi non mi riconosco piu’); dieta povera: naa… mangio frutta, verdura, carne con moderazione, pesce con moderazione e, purtroppo, forse, qualche etto di cioccolata di troppo al mese (al latte, ma sempre cioccolata è)… In ogni caso, resto cmnq un cinico inveterato. Chissà, la demenza senile mi aspetta?! … Manno’, ma che vado a pensare! E’ pure difficile che invecchi, figuriamoci diventare senile!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: