Un premio e un riposino per memorizzare meglio

Associando una piccola ricompensa all'apprendimento, il nostro cervello provvederà a incasellare i nuovi ricordi a lungo termine. Non è poi così vero che chi dorme non piglia pesci

3741570565_4cfe8138f0_z
SCOPERTE – Se avete problemi a memorizzare i concetti o a far vostra una certa abilità, dall’Università di Ginevra i ricercatori propongono una strategia che potrebbe aiutare: ricompensarvi con dei premi nel percorso di studio o apprendimento e concedervi un riposino, dopo lo sforzo. I ricordi associati a dei premi vengono “rinforzati” dal sonno, spiegano i ricercatori sulla rivista eLife, il che rende una dormita anche breve un ottimo ausilio all’apprendimento.

“La ricompensa funziona come una sorta di tag, che ‘sigilla’ nel cervello i vari concetti via via che impariamo”, spiega Kinga Igloi, leader della ricerca. “Quando dormiamo, poi, le informazioni vengono consolidate e ‘trasferite’, proprio per via della ricompensa, alle zone del cervello associate alla memoria a lungo termine”.

Il team di Igloi ha diviso 31 volontari (tutti in salute) in due gruppi, lo sleep group e il wake group. Mentre i partecipanti si cimentavano in un esercizio di memorizzazione, in cui dovevano ricordarsi -come in memory- la posizione delle immagini per poi cimentarsi nel riconoscimento delle coppie, i ricercatori ne monitoravano l’attività cerebrale. Dopo aver osservato otto gruppi di immagini, per ricevere una ricompensa i volontari avrebbero dovuto ricordare la posizione delle varie coppie. In quattro degli otto gruppi un buon lavoro di riconoscimento comportava una ricompensa ancora migliore.

In seguito ai partecipanti dello sleep group sono stati concessi 90 minuti di sonno, a quelli del wake group l’equivalente ma in normale riposo (niente sonnellino). Dopo la pausa è arrivato il momento di cimentarsi nel riconoscimento e le persone che avevano dormito hanno ottenuto risultati decisamente migliori. Tre mesi dopo, quando gli scienziati hanno ripetuto l’esperimento a sorpresa coinvolgendo gli stessi volontari una seconda volta, il risultato è stato lo stesso. I partecipanti dello sleep group non solo continuavano a imparare e memorizzare in modo più efficace, riuscivano anche a concentrarsi maggiormente sui gruppi di immagini che sapevano avrebbero fruttato una ricompensa maggiore.

Grazie alla tecnica di imaging a risonanza magnetica i ricercatori hanno subito notato che nello sleep group l’ippocampo (l’area del cervello coinvolta nella formazione della memoria) era estremamente attivo e si verificava un maggior numero di fusi del sonno, pattern di attività del nostro cervello che ci impediscono di accumulare ricordi e informazioni poco rilevanti. “Sapevamo già che il sonno aiuta a rinforzare la memoria, ora però abbiamo scoperto che ci aiuta anche a selezionare i ricordi più importanti”, commenta Igloi. Ovvero la nostra memoria lavora per dare priorità a quelle informazioni che ci permettono di avere successo, di ottenere una ricompensa migliore e ricordare solo ciò che è più importante. In poche parole, di imparare e consolidare quanto serve per sopravvivere.

@Eleonoraseeing

Leggi anche: Il legame tra sonno e memoria, se ci si mette la farmacogenetica

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   
Crediti immagine: mrehan, Flickr

Informazioni su Eleonora Degano ()
Giornalista pubblicista, traduttrice e science writer. Collabora con varie realtà come National Geographic Italia, OggiScienza, IN3D dove scrive soprattutto di etologia e cognizione animale e si occupa di copywriting scientifico. Nel 2016 ha vinto il Premio Giornalistico Riccardo Tomassetti - Premio Speciale in Virologia e nel 2017 il premio giornalistico "SID- Diabete Ricerca" promosso dalla Società Italiana di Diabetologia

4 Commenti su Un premio e un riposino per memorizzare meglio

  1. Hanno trovato l’acqua calda 😀
    Quando ero studente, alle medie sueriori, le rare volte che studiavo seriamente, periodi lunghi e ripetuti, lo facevo con musica di sottofondo (pink floyd, deep purple, led zeppelin, jethro tull, ed altri), aggregando gruppi specifici a materie specifiche.
    Anni dopo (una quindicina), in una supplenza di storia,dovendo spiegare lo sviluppo greco tra il VI ed il II secolo a.C, mi ha aiutato il ricordo di child in time (deep purple) che mi ha richiamato alla mente i due capitoli che avevo studiato intensamente per recuperare un’insufficienza.
    Era la mia prima supplenza, attività che ho portato avanti per un paio di anni.

    Buona giornata 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: