Rifiuti elettronici: abbiamo il decreto Uno contro Zero ma pochi lo sanno

Solo il 18% degli italiani conosce questa nuova possibilità e ancora meno sono quelli che ne hanno usufruito. Intanto in Italia ricicliamo ancora poco i RAEE rispetto a ciò che impone l'Europa, soprattutto al sud.

119945422_6e1c0a517c_o

Grazie al decreto Uno contro Zero, è possibile conferire rifiuti elettronici di piccole dimensioni nei negozi che li vendono, anche senza comprare niente in cambio. Crediti immagine: Sascha Pohflepp, Flickr

AMBIENTE – Da luglio 2016 è possibile conferire i rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, i cosiddetti RAEE, di piccole dimensioni anche direttamente nei negozi senza dover per questo acquistare un elettrodomestico in cambio. Ma se sulla carta abbiamo la legge, nella realtà in pochi lo sanno. Si tratta del decreto Uno contro Zero, secondo cui i negozi con una superficie superiore ai 400 metri quadrati hanno l’obbligo di ritirare i piccoli apparecchi elettronici, più piccoli di 25 centimetri – fra cui rientrano per esempio tablet e cellulari, lettori mp3, spazzolini elettrici, macchine fotografiche digitali, calcolatrici e cuffie – gratuitamente senza chiedere nulla in cambio, a differenza di quello che accade per il resto dei rifiuti RAEE per cui esiste da tempo il decreto Uno contro Uno, che permette di affidare il vecchio elettrodomestico a un negozio solo a patto che se ne acquisti un altro.

Eppure, nonostante siano passati dei mesi, sono in pochi a usare questo servizio. Lo raccontano i dati raccolti da un recente rapporto di Ipsos Italia per Ecodom e Cittadinanzattiva su oltre 1200 interviste in tutta Italia, secondo cui solo 18 italiani su 100 conoscono questa nuova possibilità. Sempre il 18% degli intervistati sa con esattezza che cosa sono i RAEE – che è evidentemente il primo passo per riciclarli correttamente – nonostante solo nel 2015, riporta l’ultimo rapporto di ISPRA sui rifiuti urbani, ne siano state prodotte 223 tonnellate.

Sebbene dal 2011 si sia registrato un aumento dei cittadini informati, sono in pochi anche coloro che conoscono il decreto Uno contro Uno, in vigore invece dal 2010: il 44% non sa di questa possibilità e solo un intervistato su 3 dichiara di conoscerlo in modo approfondito. E meno della metà di chi ne è a conoscenza ha effettivamente utilizzato il servizio almeno una volta.

La buona notizia – secondo quanto riporta il sondaggio di Ipsos – è che fra chi ha deciso di disfarsi dei RAEE vecchi e malfunzionanti, che non dimentichiamo possono comportare anche un rischio per la sicurezza domestica, nel 60% dei casi è ricorso alle società di igiene urbana, mentre il 17% degli intervistati ha dichiarato di essersi disfatto di questi rifiuti semplicemente buttandoli nell’indifferenziato. Concentrandosi sui piccoli rifiuti elettronici, quelli interessati dal nuovo decreto, al momento solo il 14% circa di essi viene correttamente smaltito.

Questo nuovo decreto rappresenta uno dei regolamenti previsti dal Decreto legislativo n.49 del 14 Marzo 2014, con cui l’Italia ha recepito la direttiva europea sull’e-waste, che stabilisce gli obiettivi Paese per Paese per la raccolta differenziata dei RAEE. Fino al 2015 l’obiettivo era di raccogliere 4,5 kg di RAEE per abitante ogni anno, mentre dal 1 gennaio 2016 vige l’obbligo del 45% di raccolta calcolato sulla media dell’immesso al consumo nell’ultimo triennio, che diventerà del 65% dal 1 gennaio 2019.

L’Italia però pare ancora molto lontana dal raggiungimento di questi obiettivi. Secondo quanto riporta sempre ISPRA, nonostante un incremento del 43% delle quantità di RAEE riciclati rispetto all’anno precedente, nel 2015 in Italia sono stati riciclati in media 3,7 kg di RAEE per abitante, con buone percentuali al nord e al centro, dove sono state riciclate rispettivamente 4,7 e 4 kg di RAEE, mentre pessima rimane la situazione al sud, dove nel 2015 non si sono superati i 2 kg per abitante.

Anche riguardo agli altri Paesi europei non sembriamo certo dei capofila, anche se come rileva l’ultimo rapporto del Centro Coordinamento RAEE, non è semplice fare paragoni fra i diversi Paesi in questo settore. Nonostante i caveat rimane però il fatto certo che abbiamo ancora molta strada da fare per poter dire di aver raggiunto l’obiettivo del 45% di raccolta, in particolare in confronto a Paesi come la Germania, l’Inghilterra e la Francia, dove si raccolgono in media 7 kg di RAEE per abitante, contro i 4 del nostro Paese, che si traducono in una percentuale di raccolto del 34% contro il quasi 40% di Francia e Germania.

@CristinaDaRold

Leggi anche: Dove vanno a finire i nostri rifiuti?

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

Informazioni su Cristina Da Rold ()
Freelance (data) journalist and scientific communicator

2 Commenti su Rifiuti elettronici: abbiamo il decreto Uno contro Zero ma pochi lo sanno

  1. Cristina Da Rold // 28 febbraio 2017 alle 10:06 // Rispondi

    L’ha ribloggato su Cristina Da Rold.

2 Trackbacks / Pingbacks

  1. COME DISFARSI DEI PICCOLI ELETTRODOMESTICI – Alessandra Stefano
  2. Rifiuti elettronici: abbiamo il decreto Uno contro Zero ma pochi lo sanno – IL MONDO DEL BOSCO. Guardalo, sussurra e…pensa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: