lunedì, 30 Marzo, 2020

archivecancro alla tiroide

Cancro alla tiroide, Chernobyl scagionato per insufficienza di prove

SALUTE - Negli ultimi trent'anni il tumore alla tiroide è rapidamente aumentando in molti Paesi industrializzati e tra il 1991 e il 2005 è quello che ha fatto registrare il maggior incremento di nuovi casi diagnosticati. In Italia il dato è particolarmente rilevante perché c'è stato quasi un raddoppio in soli quindici anni. SALUTE - Negli ultimi trent'anni il tumore alla tiroide è rapidamente aumentando in molti Paesi industrializzati e tra il 1991 e il 2005 è quello che ha fatto registrare il maggior incremento di nuovi casi diagnosticati. In Italia il dato è particolarmente rilevante perché c'è stato quasi un raddoppio in soli quindici anni. Quando si dice così, la prima parola che viene in mente è Chernobyl. Si sa, infatti, che tra i principali fattori di rischio per il tumore alla tiroide, oltre all'obesità e alla carenza di iodio, c'è l'esposizione alle radiazioni ionizzanti. L'Onu, nel rapporto dello Scientific Committee on the Effects of Atomic Radiation, ha stimato che solo nelle zone limitrofe al disastro e fino al 2005 oltre 6.000 bambini si sono ammalati di tumore alla tiroide a causa del fallout radioattivo. Questi sono dati di fatto. Dati che ci farebbero supporre anche che la diffusione vertiginosa di questa tipologia di cancro in Italia sia correlata all'esposizione al cesio 137 dovuta all'incidente. Giusto? No proprio. Un'indagine condotta in tutta Italia dai ricercatori del Centro di Riferimento Oncologico di Aviano sulla base dei dati dell'Associazione Italiana Registri Tumori non ha trovato infatti collegamenti fra il post-Chernobyl e l'aumento registrato nel nostro Paese.