domenica, 29 Marzo, 2020

archiveCilmategate

Una mazza in più

IL CORRIERE DELLA SERRA - Dopo la commissione presidiata da Lord Oxburgh, anche quella di Sir Muir Russell ha detto che gli scienziati diffamati in questi mesi sui media sono bravi e onesti, e la mazza da hockey un bijou. Doveva indagare sulle presunte malefatte commesse da Phil Jones, Ken Briffa, Michael Mann e altre vittime del furto di mail all'Unità di ricerca sul clima (CRU), dell'università dell'East Anglia. Letta la refurtiva, ha analizzato i lavori e i comportamenti degli indagati, e li ha sottoposti a interrogatorio. A tortura, pare di no. Nei ritagli di tempo, Sir Muir Russell et al. hanno ricostruito le temperature usando i dati pescati in rete e, scritto il proprio programmino informatico, hanno ottenuto la stessa mazza di chi la fa di mestiere e non quella fatta dagli scettici. In particolare da quelli che volevano spaccarla adducendo che la CRU aveva trascurato le isole urbane di calore per esagerare l'effetto serra dei gas omonimi. Dopodiché gli inquirenti hanno rimproverato la CRU e l'università di essere "di poco aiuto e sulla difensiva" quando estranei chiedevano i dati. Questa non l'ho capita. Se da dilettanti li avevano trovati da soli vuol dire che sono capaci tutti, che senso ha chiederli?