giovedì, Aprile 2, 2020

archiveclimbing

Arrampicare in montagna stando attenti alla biodiversità

AMBIENTE - È tarda mattina, il sole riscalda in pieno la falesia nel massiccio del Giura in Baviera, ma ormai i rocciatori sono in cima. Appagati dall'arrampicata, si preoccupano di raccogliere le corde e di prepararsi per la discesa. Ma si saranno anche preoccupati della flora che hanno incontrato lungo la parete? E comunque, perchè avrebbero dovuto? In fondo si sono solamente dedicati all'arrampicata, un'attività che tutti noi definiremmo molto faticosa, ma certamente “amica” dell'ambiente. In verità, sembra non essere proprio così, almeno leggendo l'articolo pubblicato sul Journal of Applied Ecology dai biologi Frank Vogler e Christoph Reisch dell'Istituto di Botanica dell'Università di Regensburg in Germania. Da una parte abbiamo i monti del Giura, con pareti disseminate di vie da scalare e cime raggiungibili solo arrampicandosi sulla nuda roccia; dall'altra, una piccola pianta sempreverde, Draba aizoides, originaria dell'Europa e del Caucaso, il cui ultimo habitat europeo è appunto rappresentato dalla catena montuosa del Giura.