domenica, 29 Marzo, 2020

archiveCorriere della Sera

Diritto di replica

IL PARCO DELLE BUFALE - Dal 19 dicembre, il Corriere non pubblica questa risposta di numerosi ricercatori a un articolo di Pierluigi Battista: I sottoscritti, appartenenti alla comunità scientifica italiana, in particolare quella “meteoclimatica”, intendono manifestare il proprio dissenso nei confronti del Corriere della Sera ed, in particolare, dell’editorialista Pierluigi Battista, il quale nell’articolo “Se l’apocalisse ecologica adesso può aspettare” del 12 dicembre 2011, in merito al “global warming”, fa un generico ed infondato riferimento a “dati incautamente imprecisi forniti da una comunità scientifica inaffidabile e manovriera”.

Associata a delinquere

IL PARCO DELLE BUFALE - A settembre, il Corriere della Sera vinceva il premio per la disinformazione sul clima "A qualcuno piace caldo" assegnato dal gruppo di Climalteranti. A novembre, il direttore Ferruccio De Bortoli lo ritirava durante una cena da lui offerta a tre ricercatori del gruppo che ricambiavano il pasto con cinque grafici zeppi di dati. Ieri, un articolo in prima pagina li accusava di gravi malefatte. La custode, che ricercatrice non è ma sa l'inglese, fa parte del comitato scientifico di Climalteranti. Perciò si vanta di essere inclusa dalla "grande firma" Pierluigi Battista fra i mascalzoni che hanno truffato il suo Direttore. In cambio di, per esempio, piovra al forno con purée di fave, gli avevano, per esempio, consegnato una ricostruzione storica dell’estensione del ghiaccio marino artico negli ultimi 1450 anni, uscita il 24 novembre su Nature. Il Corriere non ci è cascato. In mezza giornata Pierluigi Battista si è letto tutti i documenti (1) approvati al vertice su clima che si teneva in Sudafrica e scrive