mercoledì, Gennaio 19, 2022

archiveGoverno Monti

AMBIENTECRONACAECONOMIAPOLITICA

Un’eredità ambientale del governo Monti

In attesa della formazione del nuovo governo, si fanno i conti con l’eredità che il presidente Mario Monti lascerà al suo successore. Riforme del sistema sanitario, grandi opere, attuazione dell’Agenda Digitale: non mancano i provvedimenti rimasti incompiuti che peseranno sul prossimo esecutivo. Anche in ambito ambientale il governo uscente potrebbe consegnare un lascito scomodo al nuovo inquilino di Palazzo Chigi.

Tagli alla ricerca

POLITICA - Un paese in coma farmacologico. Questa è l'immagine che sembra emergere dando un'occhiata ai tagli effettutati dal decreto sulla spending review da poco pubblicato sulla gazzetta ufficiale. Come dopo un incidente grave un ferito può venir tenuto in animazione sospesa e forzata per cercare di salvarla, questo paese sembra doversi rassegnare alla semplice sopravvivenza con funzioni minime, sperando che poi pian piano ci si possa rimettere. Non è detto che così si scongiuri il decesso, però. Le voci sono tante e ci interessano tutti, ma qui voglio parlare di finanziamenti alla ricerca. In un paese che storicamente non ha mai puntato sulla ricerca scientifica, e che pure è riuscito negli anni a costruire, quasi miracolosamente, alcuni spazi di eccellenza, si rischia ora la paralisi. E anche se a qualche cittadino (ma a quanto pare anche ai nostri politici) la ricerca di base può apparire molto lontana da un'utilità " la situazione dell'Italia economica e delle imprese è tale che tagliare la ricerca vuol dire tagliare l'innovazione," come commenta amara Speranza Falciano, nella giunta esecutiva dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare - INFN. Questa è una cosa che purtroppo in Italia sembra non essersi mai capita. E proprio INFN è uno degli istituti più colpiti dai tagli

Inran: i ricercatori si mobilitano

POLITICA - Abbiamo appena dato notizia dell'ufficalizzazione sulla sopressione dell'INRAM (l'istituto Nazionale per la Ricerca e la Nutrizione) da parte del ministro Mario Catania. I ricercatori dell'ente già da questa mattina hanno decisio di presidiare l'istituto (sono accampati con le tende nel giardino dell'edificio) per dimostrare il proprio dissenso. Noi li abbiamo raggiunti per sentire le loro rivendicazioni. "Nessuno (fra i politici) sembra capire quello che facciamo qui," si lamenta Giuditta Perozzi ricercatrice presso l'istituto. "Siamo un riferimento nazionale e internazionale nella ricerca sulla nutrizione, abbiamo più di una ventina di progetti internazionali finanziati e in nostri ricercatori sono in diverse commissioni internazionali di progetti di ricerca."

Spending review, enti a Rischio: lettera dal presidente di OGS

CRONACA - Diffondiamo una lettera ufficiale in cui il direttore dell’Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale (OGS), Cristina Pediccchio, esprime preoccupazione per la Spending Review (il piano di tagli alla spesa pubblica) messa a punto dal Governo Monti in questi giorni. La manovra rischia infatti di far saltare più di un ente di ricerca (vi ricorda qualcosa?). Le voci che circolano sostengono che il finanziamento ordinario delle università sarà ridotto di 200 milioni (ma alle escuole non statali invece verranno erogati appunto 200 milioni). il Cnr, l'Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn) e l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) saranno "rioganizzati" mentre direttamente "soppressi" saranno l'Istituto nazionale di ricerca metrologica, la Stazione zoologica Anton Dohrn, l'Istituto italiano di studi germanici, l'Istituto nazionale di alta matematica, l'Istituto nazionale di astrofisica e il Museo storico della fisica e centro di studi e ricerche "Enrico Fermi", e appunto, L'OGS. Il Governo smentisce, però. Attendiamo di avere la bozza della manovra in versione originale per darvi conferma. Intanto ecco il testo del presidente di OGS. riportiamo qui in versione integrale il testo della lettera Spending review e ricerca Tutti i paesi progrediti investono in modo intelligente in ricerca e innovazione e soprattutto in risorse umane dedicate alla “conoscenza”. Sembra che per l’Italia invece la ricerca rappresenti un settore minoritario da “buttare nella spending review” con grande leggerezza e senza alcuna oggettiva motivazione