CRONACA

Ecco il vermeseppia

Un nuovo genere di verme è stato scoperto negli abissi del mare di Celebes. La Royal Society britannica pubblica un video.


NOTIZIE – È stato trovato durante uno scandaglio della zona occidentale del profondo mare di Celebes, che è un bacino isolato dalle acque circostanti con una storia geologica unica e che conserva una straordinaria biodiversità. Il nome scientifico è Teuthidodrilus samae ma ormai tutti lo chiamano squidworm o vermeseppia.

Il mostriciattolo, che misura 94 millimetri, ha un’incredibile quantità di lunghe braccia che usa per muoversi e alcune propaggini, più lunghe del corpo, che si dipartono direttamente dalla testa. È del phylum degli anellidi, un grande gruppo di vermi segmentati a cui appartengono oltre 17.000 specie, e potrebbe essere una specie di transizione tra gli organismi che vivono sul fondali e quelli che nuotano liberamente.

Questi tipi di animali sono particolarmente interessanti per gli studi sull’evoluzione perché la loro capacità di adattarsi alle diverse profondità ci permette di capire quali sono le possibilità adattative e come agisce la pressione della selezione in condizioni così estreme.

La scoperta di nuovo genere è sempre emozionante e dimostra quanto ci sia ancora da scoprire e imparare degli abitanti delle profondità marine.

La ricerca è stata pubblicata ieri su Biology Letters.

3 Commenti

  1. suggerisco di far scrivere testi di tipo zoologico da qualcuno che abbia un minimo di conoscenza della matera

    1. Gentile prof. Argano, ho scritto questo pezzo partendo dall’originale pubblicato su Biology Letters (citato nella news). Se ci sono degli errori sono ben contenta se me li segnala per poterli correggere.

    2. Sono stata allieva del prof. Argano e,in una delle sue (tutte) splendide lezioni, ci mostrò come fosse possibile dissertare per un’ora su esemplari di fauna e di ambienti del tutto fantasiosi o inventati, lasciando l’uditorio convinto della veridicità di quanto esposto.
      Non è questo il caso ma, può aiutare a comprendere il rigore con cui il Professore desidera si vaglino gli “scoops” zoologici

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: