Il vetro che si scioglie al freddo

Sul fatto che un materiale solido possa sciogliersi, non ci piove. Basta riscaldarlo alla dovuta temperatura e il gioco è fatto. Ma di sicuro non è altrettanto intuitivo scioglierlo col freddo, e per di più sfruttando un effetto quantistico. Del resto, pure molte delle altre storie che ci racconta la meccanica quantistica sembrano tutto fuorché intuitive

CRONACA – Sviluppatasi negli anni ’20 del secolo scorso, la meccanica quantistica ha avuto un impatto enorme nel progresso delle nostre conoscenze sul funzionamento della materia. Le particelle elementari che formano la materia – come elettroni, protoni, neutroni e fotoni – e le loro proprietà sono ben note all’interno del modello fornito dalla fisica quantistica. E tuttavia persino oggi, novant’anni dopo, vengono scoperti e descritti nuovi principi scientifici di questa branca della fisica: la scoperta più recente ha permesso di portare alla luce qualcosa di apparentemente impossibile.

Eran Rabani, chimico israeliano dell’Università di Tel Aviv, e i suoi colleghi della Università Columbia, negli Stati Uniti, hanno scoperto un nuovo effetto quantistico lavorando con i liquidi viscosi. Hanno determinato che è possibile sciogliere il vetro non riscaldandolo, ma raffreddandolo a una temperatura prossima allo zero assoluto (-273,15 ºC, o –459,67 ºF). Ciò ha a che fare con il modo in cui le molecole sono disposte all’interno di un materiale. A un certo punto della fase di raffreddamento, un materiale può divenire vetro, e successivamente un liquido, se esistono le condizioni giuste.

Questa nuova ricerca di base, pubblicata su Nature Physics di questo mese, ha al momento applicazioni pratiche limitate, afferma Rabani. Ma sapere perché i materiali si comportino in un determinato modo apre la strada a passi in avanti nel futuro.

La fisica classica ha permesso ai ricercatori di essere certi sulle qualità degli oggetti fisici. Ma al livello atomico/molecolare, in conseguenza del principio di dualità che descrive oggetti piccoli come onde, è impossibile determinare posizione molecolare e velocità esatte con infinita precisione contemporaneamente, un fatto noto come il “Principio di Heisenberg”. Sulla base di questo principio, Rabani e colleghi sono riusciti a dimostrare il sorprendente fenomeno naturale di “liquefazione fredda” del vetro.

La ricerca è stata ispirata dal Nobel Philip W. Anderson, che aveva definito la comprensione dei vetri classici uno dei maggiori problemi ancora irrisolti della fisica della materia condensata. La sfida lanciata da Anderson è stata raccolta da gruppi di ricercatori sparsi per il mondo.

Fino a oggi, i vetri a struttura quantistica – cioè, ciò che si ha quando si mischiano le proprietà uniche dei vetri a effetti quantistici – non erano mai stati esplorati. Rabani si è chiesto se, guardando al livello quantistico, avrebbe visto ancora il comportamento di un vetro classico.

Ciò che i ricercatori hanno svelato è un comportamento nuovo e unico, che mostra che i vetri quantistici hanno una “firma” particolare. Per quanto riguarda le applicazioni pratiche, dovremmo attendere: poche persone hanno attualmente in casa dei congelatori capaci di arrivare a meno 273 gradi sottozero.

17 Commenti

  1. Vi segnalo un errore. Lo zero assoluto corrisponde a 0°K ovvero -273,15°C, limite oltre il quale non si può scendere, non come scritto a metà pagina. E partendo da questo va corretta anche l’ultima riga: “… arrivare a meno di 270 gradi sottozero.”

  2. “-273,15 ºK, o -546,15 ºC”!!!??? O_o
    Come scusi???
    – I kelvin non sono gradi ma kelvin e basta
    – Non hanno valori negativi (non a caso sono anche detti gradi ASSOLUTI)
    – 0 K equivalgono a -237,15 °C e, ripeto, al di sotto non si va

    Sono allibito soprattutto perché errori del genere non sono degni di questo blog, sono cose che si studiano al liceo!!

  3. Avete forse fatto un po’ di confusione con le scale di temperatura….lo zero azzoluto è 0 K (K e non °K) che corrisponde a – -273,15 °C, infatti non si può andare sotto a tale soglia…nemmeno 500 gradi sottozero non ha senso

  4. C’è un errore madornale nell’articolo: lo zero assoluto è 0 gradi Kelvin = -273,15 gradi centigradi… non 500!!! una rilettura anche distratta avrebbe colto subito l’errore…

  5. Lo zero assoluto corrisponde a -273,15 ºC ossia 0 K (senza il º ad essere pignoli) e non a -273,15 K o -546,15 ºC… Di conseguenza nessuno avra’ mai congelatori a -500ºC visto che il limite inferiore della scala della temperatura e proprio lo zero assoluto.

  6. > prossima allo zero assoluto (-273,15 ºK, o -546,15 ºC).

    Ma lo zero assoluto non corrisponde a 0°K e a -273,15 °C ?

  7. Per fortuna che siamo su “oggi scienza” articolo penoso…..-273 °K ma da dove esce???? e poi “fatto noto come principio di heisemberg”…FATTO????

  8. Si scioglie il soluto nel solvente (sale nell’acqua). Il passaggio dallo stato solido a quello liquido e` la fusione (la neve fonde, non si scioglie). E anche la liquefazione e` usata a sproposito, dato che e` il passaggio da gas a liquido.
    Documentarsi un pochino prima di scrivere?

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: