CRONACA

Origini diverse per particelle diverse

I nuclei di elio e i nuclei di idrogeno ad alta energia sono prodotti probabilmente da fenomeni diversi: le supernove di stelle molto massisse, nel primo caso, e le supernove di stelle più piccole nel secondo.

NOTIZIE – Nell’Universo la maggior parte della materia visibile e che costituisce stelle, ammassi di gas, galassie ecc. è costituita da idrogeno (circa il 74%) ed elio (23-24%). La poca roba che rimane, e che gli astrofisici chiamano per comodità “metalli” anche se metalli non sono, perlomeno non tutti, è suddiviso tra tutti gli altri elementi.

È quindi importante capire come si comportano idrogeno ed elio. Abbiamo oggi i risultati di uno studio che ha osservato queste particelle quando sono accelerate ad altissime energie e sfrecciano nello spazio a velocità prossime a quelle della luce sotto forma di raggi cosmici. Finora si pensava che idrogeno ed elio, e in generale tutte le particelle cariche, venissero accelerate nello stesso modo, cioè esistesse un unico motore che funzionasse per tutti i tipi. Questo motore era stato identificato nei resti di supernove, quelle grandi esplosioni che mettono fine alla vita delle stelle più massicce.

Ma non è così. Ogni particella ha il suo motore specifico. È quanto scoperto grazie alle osservazioni di Pamela, un progetto internazionale coordinato dall’INFN italiano: lo spettro dei nuclei di idrogeno e lo spettro dei nuclei di elio accelerati, cioè la distribuzione della loro energia, sono diversi, il che sta a significare che all’origine ci sono dei processi diversi.

Quali sono questi processi? Siamo ancora nell’ambito delle ipotesi. Si pensa che i protoni, cioè i nuclei di idrogeno, possano essere accelerati da supernove più piccole prodotte da stelle la cui atmosfera è più ricca di idrogeno. Mentre i nuclei di elio, che sono più pesanti perché contengono due protoni, siano accelerati da supernove più grandi la cui atmosfera è più ricca di elio e che sprigionano anche maggiori quantità di energia.

Insomma i meccanismi e i fenomeni relativi alle particelle accelerate sono più complessi di quanto immaginato e questi nuovi risultati apriranno una finestrella in più sull’Universo ad alta energia.

La scoperta sarà pubblicata oggi su Science Express.

2 Commenti

  1. “siano accelerati da supernove più grandi la cui atmosfera è più ricca di idrogeno “c’è forse un refuso “idrogeno” per “elio”? Altrimenti non si capirebbe l’opposizione delle due origini, credo.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: