CULTURA

La Lascaux del punk


ARTE, MUSICA E SPETTACOLI – Magari i Sex Pistols (i sopravvissuti) si offenderanno un po’ di essere definiti “archeologici”. Ma tant’è: una ricerca pubblicata ieri su Antiquity sostiene che i graffitti conservati su un muro di un appartamento in Denmark Street a Londra (ora un ufficio), a firma Johnny “Rotten” (John Lyndon), vanno conservati e studiati come reperti archeologici. “Questa è un importante eredità, dal punto di vista storico e archeologico, per i materiali e le prove che contiene”spiegano John Scofield del dipartimento di Archeologia dell’Università di York e Paul Graves-Brown, un ricercatore indipendente, autori della ricerca. L’appartamento era abitato negli anni ’70 dai componenti della band pioniera del punk e gli autori paragonano i disegni (che rappresentano i componenti della band e Malcom McLaren, il mitico produttore della band britannica) ai dipinti ruestri neolitici della caverna di Lascaux nella Francia del Sud.

“È bene ricordare” scrivono ancora gli autori “che l’archeologia moderna include anche i periodi a noi prossimi, e usa i reperti recenti per comprendere meglio le epoche antiche e allo stesso tempo comprendere in maniera critica la stessa modernità”.

E voi che ne pensate?

Federica Sgorbissa
Federica Sgorbissa è laureata in Psicologia con un dottorato in percezione visiva ottenuto all'Università di Trieste. Dopo l'università, ha ottenuto il Master in comunicazione della scienza della SISSA di Trieste. Da qui varie esperienze lavorative, fra le quali addetta all'ufficio comunicazione del science centre Immaginario Scientifico di Trieste e oggi nell'area comunicazione di SISSA Medialab. Come giornalista free lance collabora con alcune testate come Le Scienze e Mente & Cervello.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: