AMBIENTECRONACAINFOGRAFICHE

Il big killer

AMBIENTE – Tira una brutta aria. Secondo le previsioni dell’Ocse da oggi al 2050 l’inquinamento sarà una delle principali cause delle morti premature, superando il problema dell’accesso all’acqua potabile e quello della mancanza di servizi igienici.

Se oggi i Pm10 sono responsabili di circa un milione di morti all’anno, nel 2050 causeranno 3,6 milioni di vittime. Del resto, oggi, solo il 2% della popolazione mondiale ha la fortuna di vivere in un ambiente con concentrazioni di Pm10 inferiori alla soglia limite di 20 microgrammi per metro cubo fissata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Il 70% ne deve subire più di 70, un valore che non accenna a diminuire soprattutto nei Paesi in via di sviluppo

.

A questo si aggiunge il problema dell’ozono nelle città che determinerà più di 800mila vittime nel 2050 contro le 385 di oggi. I Paesi più colpiti saranno l’India e la Cina, ma anche i Paesi occidentali saranno a rischio soprattutto per il crescente numero di anziani sensibili a questo gas. Sempre secondo il rapporto dell’Ocse le emissioni di gas serra potrebbero aumentare del 50%, aggravando ulteriormente la situazione già critica. Ancora una volta l’Ocse presentando questi scenari non intende alimentare facili allarmismi, ma focalizzare l’attenzione sulla necessità di agire subito.

3 Commenti

  1. Ringraziamo tutti gli oppositori del nucleare che hanno favorito la realizzazione di nuove centrali a carbone, gas ed oli combustibili. Dalla padella alla brace. 🙁

  2. Ma non sapete che tutti i problemi mondiali saranno risolti con la diminuzione dei GHG (Gas ad effetto serra) del 20 % nella UE al 2020 e del 40 % nel 2040 (se passerà la proposta già approvata dal parlamento europeo, che fortunatamente non ha potere legislativo, ma solo “retributivo” ( in proprio)?

    La famosa formula UE 20-20-20 farà calare del 2 % a livello mondiale le emissioni GHG.

    Altre previsioni, già al 2030, vedono aumenti mondiali dei GHG del 51 %, con Cina e India in aumento del 109 %.

    Cina è il primo emettitore mondiale di GHG dal 2006.

    Chi le farfalle va cercando sotto l’arco di Tito?

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: