mercoledì, Dicembre 19, 2018
LA VOCE DEL MASTER

Quando magro è grasso

latteLA VOCE DEL MASTER – Bere latte magro non aiuta a ridurre il girovita dei bambini. È quanto emerge in uno studio pubblicato su Archives of Disease in Childhood.

Per combattere l’epidemia di obesità infantile che affligge gli Stati Uniti, dal 2005 l’American Academy of Pediatrics  e le Dietary Guidelines for Americans del 2010 consigliano ai genitori di scegliere latte scremato o parzialmente scremato per i bambini dopo i due anni. Questo perché il latte intero ha un contenuto di calorie maggiore e un’alta percentuale di grassi (intorno al 3,5% contro l’% delle versioni ‘magre’). Ma tagliare le calorie del latte non sembra aiutare a ridurre un problema sociale che sta colpendo in misura crescente anche l’Italia.

M.D. De Boer e i suoi colleghi dell’Università della Virginia hanno analizzato un database di quasi 11mila bambini americani di diversa etnia e si sono concentrati sulla relazione tra il tipo di latte bevuto e l’indice di massa corporea. All’età di due e quattro anni, i ricercatori hanno chiesto a genitori e affidatari che tipo di latte bevevano i loro bambini. A quattro anni, gli studiosi hanno considerato anche il consumo di altri tipi di bevande zuccherate, come i succhi di frutta e le bibite gassate.

Se l’ipotesi di partenza degli studiosi era che i bambini che consumavano abitualmente latte intero fossero più grassi perché assumevano più grassi saturi, i risultati della ricerca sono stati sorprendenti. Nel complesso, la percentuale di bambini sovrappeso è risultata alta: il 30% dei bambini di due anni e il 32% di quelli di quattro. Ma, tenendo conto anche del consumo di altre bevande, è emerso che i bambini che bevevano regolarmente latte con almeno il 2% di grassi mostravano un IMC più basso di quelli che assumevano latte con solo l’% di grassi. La scelta del latte per i bambini tra i 2 e i 4 anni sembra influire sul peso forma. È risultato che i bambini che consumano regolarmente latte all’1% di grassi hanno un 57% di probabilità in più di diventare sovrappeso o obesi raggiunti i quattro anni.

La ricerca suggerisce che la lotta contro l’obesità infantile richiede soluzioni complesse. DeBoer commenta che i pediatri dovrebbero suggerire soluzioni più efficaci e meglio documentate per controllare il peso forma dei bambini, come ridurre le ore spese davanti alla TV e fare più esercizio fisico.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: