ricerca

Lenti a contatto tecnologiche per ricominciare a vedere

Immagine di una retina affetta da degenerazione maculareCRONACA – La degenerazione maculare è la principale causa di ipovisione per gli over 50 nei paesi occidentali. Questa malattia colpisce la macula, cioè la zona centrale della retina, e ha come effetto la progressiva e irreversibile perdita della visione centrale. Chi ne soffre non è quindi più in grado di leggere, di individuare i pericoli quando attraversa la strada o semplicemente di riconoscere le persone. Può tuttavia contare sulla visione periferica che di solito non viene minimamente compromessa.

I dispositivi finora utilizzati potenziano la visione periferica amplificando l’illuminazione della retina sana, in modo che possa parzialmente compensare il difetto visivo. Si tratta però di oggetti piuttosto ingombranti, che influenzano negativamente le interazioni sociali, o richiedono interventi chirurgici invasivi.

La lente a contatto sviluppata dal gruppo guidato dal Professor Joseph Ford dell’Università della California di San Diego funziona in doppia modalità (qui il link al paper). La zona centrale consente il passaggio della luce per la visione ordinaria. Una serie di anelli concentrici riflettenti invece amplificano la luce in ingresso per svolgere compiti specifici come la lettura o la guida. Gli occhiali a luce polarizzata sono indispensabili per poter passare da una modalità di visione all’altra. Le diverse aree della lente sono infatti dotate di filtri polarizzatori e possono essere oscurate selettivamente intervenendo con gli occhiali sulla direzione di polarizzazione della luce in ingresso.

Per ora il prototipo messo a punto dai ricercatori è stato testato solo su un modello meccanico di occhio costruito ad hoc ed è stato realizzato con materiali poco confortevoli. La strada però è aperta e con ottime probabilità dispositivi commerciali saranno disponibili entro tempi abbastanza brevi.

Crediti immagine: National Eye Institute of the NIH

Marco Guglielmino
A man sets off to achieve, step by step, wisdom .. not yet arrived

2 Commenti

  1. notizia molto interessante per chi come soffre di maculopatia degenerativa senile,
    mi chiede pero’ quanto tempo ci vuole perché sia possibile un uso corrente???

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: