mercoledì, Dicembre 19, 2018
AMBIENTECRONACAINFOGRAFICHEULISSE

Industrie pericolose

1AMBIENTE – Sono 1.142 gli stabilimenti a rischio di incidente rilevante (RIR) presenti in Italia. Secondo l’ultimo rapporto realizzato dall’Ispra in collaborazione con il ministero dall’Ambiente, oltre il 50% degli stabilimenti pericolosi tipo “Seveso” si concentra in quattro regioni del nord: Lombardia, Emilia Romagna, Veneto e Piemonte.

Nel complesso le industrie a rischio, sparse un po’ in tutta Italia, interessano 756 comuni, il 9% del totale. Ben 40 comuni ospitano sul loro territorio 4 o più stabilimenti RIR. In testa alla classifica troviamo Ravenna con 26 stabilimenti, seguita da Venezia (15), Genova (14), Trecate (10), Napoli, Livorno e Brindisi (9).

In tutte le province italiane, fatta eccezione per Macerata, c’è almeno uno stabilimento a rischio. Concentrazioni pericolose (più di 20 stabilimenti RIR) interessano soprattutto il nord, in particolare le province di Milano (69 stabilimenti), Brescia (45), Ravenna (37), Novara (28), Varese (28), Venezia (26), Torino (24), Vicenza (22), Alessandria (22) e Bologna (20). Al centro e al sud, superano la soglia di allerta solo le province di Roma (26), Frosinone (21) e Napoli (33). Il rapporto sottolinea la presenza di aree di particolare concentrazione di stabilimenti RIR in prossimità dei poli petrolchimici e di raffinazione, per esempio Trecate, Porto Marghera, Ravenna, Ferrara, Gela, Priolo, Brindisi, Taranto, Porto Torres e Sarroch .

Ma che cosa “producono” gli stabilimenti a rischio? Tra le tipologie più diffuse, troviamo i petrolchimici (25%), i depositi di gas liquefatti (24%) e le industrie galvanotecniche (11%).

2 Commenti

  1. Solo un piccolo appunto. In un clima di ignoranza generale del pubblico italiano, dove vale la regola “ODDIO lo vedi? Azienda pericolosa! Fondo un comitato, chiudiamola SENONORAQUADNO!!!!1!1!” dovreste parlare anche dei tanti strumenti che queste aziende mettono in campo per limitare i rischi e formare il personale.

    Lavorando nella chimica da tanti anni, questi sforzi li vedo quotidianamente e qualsiasi responsabile della sicurezza di uno di questi impianti sotto legge Seveso saprebbe illustrarvi in maniera esemplare gli sforzi quotidiani fatti in quest’ottica.

    Ciao. A presto.

    PB

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: