ricercaSALUTE

Un nuovo ormone per IVF più sicura

144905384_4480996b46_oSALUTE – Un metodo nuovo e potenzialmente più sicuro per stimolare l’ovulazione, nelle donne che si sottopongono alla fertilizzazione in vitro: è la nuova scoperta di un team di ricercatori e medici dell’Imperial College London e dell’Imperial College Healthcare NHS Trust, pubblicata sul The Journal of Clinical Investigation. Si tratta dell’ormone kisspeptina. Normalmente i dottori somministrano un altro ormone, l’hCG (gonadotropina corionica), per far maturare gli ovuli. In alcune donne, tuttavia, quest’ultimo può stimolare gli ovari in maniera eccessiva,  con gravi rischi per la salute.

Il principale, la sindrome da iperstimolazione ovarica (OHSS), colpisce circa un terzo delle donne che si sottopongono a IVF, seppur in forma lieve, con sintomi che partono da nausea e vomito. Meno del 10% delle pazienti soffre di forme più gravi, che determinano insufficienza renale. Come spiega Waljit Dhillo, leader della ricerca, “l’OHSS è un grave problema medico. Può rivelarsi fatale nei casi più gravi, e colpisce donne in salute che si stanno sottoponendo all’IVF. Abbiamo bisogno di nuovi metodi per stimolare l’ovulazione,  e le recenti scoperte sono molto promettenti”.

La kisspeptina stimola il rilascio di altri ormoni riproduttivi nel corpo femminile. A differenza della gonadotropina corionica, che rimane nel sangue a lungo dopo l’iniezione, la kisspeptina viene degradata più rapidamente riducendo il rischio di iperstimolazione degli ovari. La ricerca del team di Dhillo ha testato il nuovo metodo su 53 volontarie, con una singola iniezione dell’ormone per indurre l’ovulazione. Gli ovuli maturi si sono sviluppati in 51 partecipanti, 49 delle quali sono arrivate fino all’impianto di uno o due embrioni fertilizzati nell’utero. 12, tra tutte, sono rimaste incinte, un risultato positivo rispetto ai consueti numeri dell’IVF.

La ricerca del team di scienziati continuerà ora con un secondo progetto, concentrato stavolta sulle donne con la sindrome dell’ovaio policistico, le più a rischio quando si parla di OHSS. “È stata una gioia veder nascere 12 bambini in salute grazie a questo metodo”, conclude Dhillo, “ora procederemo indagando la possibilità che la kisspeptina possa ridurre il rischio di OHSS nelle donne più a rischio, il tutto nell’ottica di aumentare la sicurezza dell’IVF”.

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

Crediti immagine: mahalie stackpole, Flickr

Eleonora Degano
Biologa di formazione, oggi giornalista e traduttrice freelance specializzata in zoologia, etologia e cognizione animale; collaboro soprattutto con l’edizione italiana di National Geographic e faccio parte della redazione di OggiScienza. Nel 2017 è uscito il mio primo libro «Animali. Abilità uniche e condivise tra le specie» pubblicato da Mondadori Università. Lo trovate qui ➡ http://amzn.to/2i2diPu

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: