ricercaSALUTEULISSE

Stare soli nuoce gravemente alla salute

Secondo il dati del nuovo studio condotto dall'Università di Brigham la solitudine è dannosa quanto l'obesità, il fumo o l'abuso di alcol

4110849005_b1c434f303_zRICERCA – Stare soli o sentirsi soli sono concetti ben diversi. C’è chi vive ogni giorno in mezzo a un mare di gente eppure continua a sentirsi solo, c’è chi sceglie di isolarsi perché ama la quiete della solitudine. Comunque sia, che ci si senta soli o che si scelga di stare soli per piacere, il rischio per la salute non cambia: “gli effetti della solitudine sono comparabili all’obesità, un tema che la sanità pubblica prende molto sul serio – ha spiegato Julianne Hot-Lunstad, primo autore di un recente studio pubblicato sulla rivista Perspectives on Psychological Science – Forse, quindi, dovremmo iniziare a prendere più seriamente anche le nostre relazioni sociali”.

La ricerca in questione, condotta dai ricercatori della Brigham University nello Utah, è stata condotta analizzando i dati di altre 70 ricerche realizzate sulla salute (in particolare nei casi in cui si analizzava la solitudine, l’isolamento o il vivere da soli) dagli anni Ottanta ad oggi e che hanno coinvolto oltre 3 milioni di persone. Lavorando anche su variabili come l’età, lo status socioeconomico, il genere e le condizioni di salute preesistenti, i ricercatori hanno riscontrato che l’assenza di relazioni sociali aggiunge un rilevante fattore di rischio sulla salute. Dunque, secondo i dati di questo meta-studio e di un precedente studio condotto dallo stesso gruppo nel 2010, stare soli sarebbe comparabile a fumare 15 sigarette al giorno e il rischio per la salute supererebbe addirittura quello legato all’obesità o all’alcolismo.
Dunque è chiaro che, oltre alla mela, anche un amico al giorno toglie il medico di torno.

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   
Crediti immagine: Thomas Nes Mihre, Flickr

7 Commenti

  1. Da quest’equazione manca un fatto estremamente importante: generalmente chi sta da solo tende anche a essere fortemente sedentario; si può dire che “si butta giù”, si deprime; quello che non si considera è che esistono persone che, pur ritrovandosi da sole, per mille motivi diversi, non si deprimono e non si lasciano andare E fanno anche attività fisica regolare; sono rare ma esistono; non sarò io, in un blog di questo tipo, a spiegare cosa comporta, a livello di qualità di vita, una cosa del genere.

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: