ricerca

Sinestesia: un fenomeno cross-sensoriale

Vedere i suoni, ascoltare forme e colori. Succede a una persona ogni cento e finalmente cominciamo a capire il perché

Vassily_Kandinsky,_1913_-_Composition_6RICERCA – Sapete quella volta che avete ascoltato il blu di Prussia e il tortora? E quando invece avete guardato quella musica straordinaria? No? Forse perché non avete sperimentato il fenomeno percettivo cross-sensoriale della sinestesia, che porta i nostri sensi a mescolarsi tra loro. I sinesteti, spiega la ricercatrice Stephanie Goodhew su Consciousness and Cognition, percepiscono associazioni mentali molto forti tra concetti correlati.

“Per loro parole come ‘dottore’ e ‘infermiera’ sono strettamente legate, mentre ‘dottore’ e ‘tavolo’ non lo sono affatto. E sentono queste connessioni molto più concretamente di quanto accada alle persone che non hanno questa condizione”, spiega Goodhew, che si è concentrata insieme al suo team nel misurare l’entità delle connessioni che  chi sperimenta la sinestesia stabilisce tra le parole e i concetti. “Pensavamo che i sinesteti avessero un modo di pensare più concreto, che non enfatizza le relazioni tra stimoli a livello concettuale. Ma abbiamo scoperto che è praticamente il contrario”. Secondo le stime del team di Goodhew, scienziati della The Australian National University (ANU) la forma più blanda della sinestesia riguarda circa una persona su 100.

I sinesteti hanno connessioni molto forti tra aree diverse del cervello, specialmente tra l’area che riteniamo deputata al linguaggio e quella legata ai colori: questi legami, spiega Goodhew, portano a un effetto scatenante da parte di uno stimolo che, agendo in una regione cerebrale, determina l’attività di un’altra. “Succede di ascoltare le forme, perché un triangolo scatena l’esperienza di un suono o un colore. Oppure capita che ascoltando un suono un sinesteta percepisca un certo sapore. C’è stata una persona per la quale i profumi avevano forme particolari. Ad esempio il profumo d’aria fresca è rettangolare, il caffè è una sorta di bolla e ciò che è rotondo e quadrato si può annusare”.

@Eleonoraseeing

Leggi anche: Prevedere dislessia e difficoltà nella lettura

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   
Crediti immagine: Composition VI, Vassily Kandinsky

Eleonora Degano
Biologa di formazione, oggi giornalista e traduttrice freelance specializzata in zoologia, etologia e cognizione animale; collaboro soprattutto con l’edizione italiana di National Geographic e faccio parte della redazione di OggiScienza. Nel 2017 è uscito il mio primo libro «Animali. Abilità uniche e condivise tra le specie» pubblicato da Mondadori Università. Lo trovate qui ➡ http://amzn.to/2i2diPu

2 Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: