La nuova testuggine delle Galápagos

Grazie alle analisi del DNA i ricercatori hanno scoperto che a Santa Cruz vivono due specie di testuggini differenti. Otterranno l'attenzione che meritano, in termini di conservazione?

151021151357_1_900x600

AMBIENTE – Mentre eravamo tutti concentrati su Lonesome George (che anche da morto ha continuato ad attirare l’attenzione mettendo pressione sui tassidermisti che si sono occupati del suo corpo), per oltre cento anni all’attenzione della scienza è sfuggita una specie di testuggine gigante, che vive a Santa Cruz, al centro del famoso arcipelago delle Galápagos. Sull’isola ci sono due principali popolazioni di testuggini, una sulla parte orientale vicino a una collina nella zona chiamata Cerro Fatal e una che invece occupa quella occidentale chiamata la Reserve: finora si pensava che tutte appartenessero alla specie Chelonoidis porteri.

Dopo aver analizzato campioni di DNA nucleare e di DNA mitocondriale prelevati da entrambe le popolazioni, la biologa evoluzionista Adalgisa Cacconi dell’Università di Yale non solo ha scoperto che si tratta di due specie diverse, ma che sono più strettamente imparentate con specie di altre isole rispetto a quanto lo sono reciprocamente. La domanda più intrigante rimaneva una: quale delle due popolazioni è costituita da testuggini di una specie non ancora descritta?

Il titolo di nuova specie è stato infine attribuito a quelle della popolazione orientale, chiamate ora Chelonoidis donfaustoi in onore di Fausto Llerena Sánchez (noto a tutti con il nomignolo di Don Fausto), il ranger del Galápagos National Park che da 43 anni lavora ai metodi che vengono implementati sulle isole per la riproduzione delle specie di testuggini a rischio di estinzione. È merito suo, spiega il team di ricercatori, se molte delle popolazioni di testuggini dell’arcipelago sono riuscite a riprendersi nel corso degli anni, grazie agli sforzi in materia di conservazione.

“Si tratta di un gruppo di testuggini piccolo e isolato che non ha mai attirato l’attenzione dei biologi prima d’ora”, spiega James Gibbs del SUNY College of Environmental Science and Forestry di Syracuse, New York, co-autore della pubblicazione che ha riportato la scoperta sulla rivista PLoS ONE. “La scoperta e la descrizione formale aiuterà queste tartarughe a ricevere l’attenzione scientifica e in materia di conservazione della quale le popolazioni hanno bisogno per riprendersi”, continua il ricercatore. “Don Fausto ha dedicato la sua vita a salvare le testuggini minacciate attraverso la riproduzione in cattività. Non è facile riuscirci e non aveva a disposizione né molte risorse né qualcuno che lo indirizzasse nel lavoro. Ha trovato il modo osservando con estrema pazienza e ricorrendo alla sua creatività, intelligenza e ingegno”.

Con la sua The Giant Tortoise Restoration Initiative Don Fausto insomma si è meritato di vedersi dedicare la nuova specie, visto che ha avuto successo dove molti dei migliori zoo del mondo hanno fallito. Le due specie di testuggini di Santa Cruz, per di più, sono tra gli animali che più hanno sofferto negli ultimi anni a causa di diversi fattori come lo sfruttamento umano del territorio, l’introduzione di specie alloctone e la distruzione dell’habitat. Forse ora davvero avranno l’attenzione della quale hanno bisogno.

@Eleonoraseeing

Leggi anche: Galápagos, il cambiamento climatico che (per ora) aiuta la conservazione

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   

Crediti immagine: Washington Tapia

Informazioni su Eleonora Degano ()
Giornalista scientifica freelance e traduttrice editoriale specializzata in zoologia, etologia e cognizione animale; dal 2013 collaboro soprattutto con l’edizione italiana di National Geographic e il magazine OggiScienza. Nel 2017 è uscito il mio primo libro, «Animali. Abilità uniche e condivise tra le specie» pubblicato da Mondadori Università. Lo trovate qui ➡ http://amzn.to/2i2diPu

1 Commento su La nuova testuggine delle Galápagos

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: