mercoledì, Novembre 25, 2020

archiveforesta

Grugnisci e ti dirò chi sei

CRONACA - I lemuri sono in grado di riconoscere le altre specie di primati dai loro grugniti nasali. Lo ha scoperto un team di ricercatori dell'Università di Torino. Marco Gamba, Oliver Friard e Cristina Giacoma hanno dimostrato che la risonanza nel tratto nasale nelle vocalizzazioni dei lemuri svolge un ruolo centrale nel caratterizzare i segnali che i singoli individui si scambiano tra gli alberi delle foreste. Le particolari proprietà acustiche di questi segnali consentono ai lemuri di riconoscere quale sia la specie dell’emittente. Il fenomeno è simile a ciò che accade nell’uomo: la risonanza della voce umana nel condotto vocale ci permette, infatti, di riconoscere l’emittente. Per capire come ciò avvenga i tre ricercatori hanno utilizzato alcune metodiche che vengono normalmente usate per studiare le voci umane e le hanno applicate a tre specie di lemuri del Madagascar: il lemure fulvo, il lemure dal ventre rosso e il lemure macaco

Il richiamo dalla foresta

Gli indegeni che vivono nelle foreste non hanno bisogno di un calcolatore per accorgersi che la Terra sta cambiando. Le popolazioni che vivono a stretto contatto con la natura in questi anni hanno visto le foreste e i ritmi della natura trasformarsi. Per questo per l'associazione Rede Povos da Floresta la difesa delle popolazioni indigene non può prescindere dalla difesa dell'ambiente.