sabato, Gennaio 16, 2021

archiveLAV

Dal mangime alla pelliccia: il visone fa male all’ambiente

AMBIENTE - La produzione di pellicce è un attività a basso impatto ambientale. Così dice da tempo l'industria delle pellicce, che giustifica questa affermazione citando le misure che sarebbero adottate da molte aziende per la riduzione di emissioni di CO2 e dei consumi di acqua o energia. Ma lo studio appena concluso e reso pubblico da alcune associazioni animaliste europee (l'italiana LAV-Lega Anti Vivsezione, la belga GAIA-Azione Globale per i Diritti degli Animali e l'olandese Bont voor Dieren) smentisce clamorosamente queste affermazioni. Va detto che le citate associazioni non governative non hanno condotto in prima persona la ricerca in merito all'impatto ambientale della produzione di pellicce (in questo caso specificatamente quelle di visone), ma l'hanno commissionata a CE Delft, un centro di ricerca specializzato e indipendente.