sabato, Ottobre 24, 2020

archiveolimpiade

Londra 2012: Pistorius in pista

COSTUME E SOCIETÀ - C'è chi teme il progresso e la scienza. C'è chi vede qualcosa di minaccioso e fredddo nella tecnologia troppo spinta. Però ogni tanto bisogna ammetterlo è proprio grazie al successo scientifico e tecnologico che oggi una persona che come Oscar Pistorius ha perso entrambe le gambe ha la possibilità di partecipare alle olimpiadi proprio nella corsa. È notizia di oggi che il campione di corsa sudafricano parteciperà ai giochi di Londra 2012. Ci aveva già provato per l'edizione 2008 e il suo caso fece scandalo: venne infatti prima escluso per un presunto vantaggio conferitogli dalla due protesi artificiali high-tech che il corridore usa nelle competizioni , le “Össur Flex-Foot Cheetah” (Cheetah in inglese significa ghepardo, il felino noto come lo sprinter più veloce del regno animale). Venne poi riammesso per un ricorso in cui si concluse che non c'era modo di misurare questo ipotizzato vantaggio. Successivamente al Mit di Boston nel 2009 fecero delle misurazioni accurate e finirono per pubblicare uno studio su Biology letters in cui dimostrarono che non c'era alcun vantaggio nell'usare queste protesi rispetto ai corridori normodotati