lunedì, Aprile 19, 2021

archivetelecomunicazioni

ricerca

Il mantello di invisibilità temporale che fa scomparire gli eventi

Dalla settimana scorsa, le prime pagine dei giornali di tutto il mondo si sono trasformate in un grande romanzo di spionaggio. Secondo due scoop del Guardian e del Washington Post, la National Security Agency (NSA, agenzia per la sicurezza nazionale statunitense) avrebbe infatti diretto accesso ai tabulati telefonici di milioni di cittadini americani e alle conversazioni online di milioni di cittadini stranieri grazie alla complicità di compagnie telefoniche e società informatiche.

Chi vuol fare da antenna?

Nel futuro le antenne-ponte per le telecomunicazioni potrebbero essere sostituite dagli esseri umani NOTIZIE - Reti “corpo a corpo” (body-to-body network) le chiamano i loro inventori all’Istituto di elettronica, comunicazioni e tecnologia dell’informazione della Queen University di Belfast (io la chiamerei “uomini per antenne”). L’idea è di sostituire (almeno parzialmente) i supporti fissi per le telecomunicazioni wireless (un esempio su tutti gli odiatissimi ripetitori per i cellulari) con dei piccoli sensori portati addosso dalle persone. Per una qualche vaga analogia mi fa venire in mente il cloud-computing, ma il settore scientifico a cui appartiene questo approccio ha già un suo nome: delle “comunicazioni corpo-centriche”(body-centric communication, la traduzione è mia, forse si può fare di meglio).