LFI: uno strumento per osservare l’Universo primordiale

Michele MarisLFI, il Low Frequency Instrument a bordo del satellite Planck da poco lanciato in orbita, scruta il cosmo nella frequenza delle microonde, la radiazione “fossile” che arriva direttamente dal Big bang. Michele Maris astronomo dell’Osservatorio Astronomico di Trieste – INAF, in occasione del lancio del satellite ci spiega il ruolo dell’Osservatorio nella costruzione di LFI e che cosa esattamente farà nei prossimi mesi questo “occhio spaziale”

Ascolta l’intervista a Michele Maris

Federica Sgorbissa
Federica Sgorbissa è laureata in Psicologia con un dottorato in percezione visiva ottenuto all'Università di Trieste. Dopo l'università, ha ottenuto il Master in comunicazione della scienza della SISSA di Trieste. Da qui varie esperienze lavorative, fra le quali addetta all'ufficio comunicazione del science centre Immaginario Scientifico di Trieste e oggi nell'area comunicazione di SISSA Medialab. Come giornalista free lance collabora con alcune testate come Le Scienze e Mente & Cervello.

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: