CRONACA

L’occhio bionico del futuro

Università di Tel Aviv:  grandi progressi verso la creazione della retina artificiale

NOTIZIE – Mezzo umano, mezzo artificiale: Yael Hanein crea interfacce fra tecnologia e biologia fondendo fibre nervose ed elettrodi, ma non è la protagonista di un romanzo di fantascienza. Hanein, che lavora alla Scuola di ingegneria elettrica dell’Università di Tel Aviv studia come realizzare dispositivi prostetici d’avanguardia che sostituiscano i neuroni retinici danneggiati in persone colpite da patologie del sistema visivo.  Nel suo ultimo lavoro, da poco pubblicato sulla rivista Nanotechnology, la scienziata ha fatto crescere neuroni retinici (la retina è lo strato di cellule fotosensibili sul fondo dell’occhio, una struttura biologica che è la base della vista) su un substrato di nanotubi di carbonio, un passaggio fondamentale per sviluppare in futuro impianti retinici nell’essere umano.

Per ora la tecnica si è dimostrata efficace nei topi di laboratorio, ma le promesse sono ottime. “Stiamo lavorando per interfacciare la tecnologia e i neuroni,” ha commentato la scienziata. “Il nostro lavoro può essere d’aiuto per applicazioni in vivo e in vitro, e offre una conoscenza più approfondita sul funzionamento dei neuroni.” In questo modo si possono mettere a punto dispositivi e farmaci più adeguati per trattare le patologie dell’occhio.

Hanein e il suo team hanno creato una piccolissima matassa di nanotubi (del diametro nell’ordine del milionesimo di millimetro) e facendoci passare attraverso una corrente elettrica sono riusciti a indurre dei neuroni (di ratto) a crescerci sopra. È un processo delicato, ma la materia biologica aderisce bene al sustrato sintetico. Il risultato è una struttura che fonde la biologia e l’artificiale.

Strutture di questo genere sono anche molto utili per osservare come i neuroni crescono, comunicano e più in generale funzionano. Mark Shein, uno studente di Hanein sta studiando proprio questi aspetti. Si tratta di rispondere a domande scientifiche basilari, ha spiegato la scienziata: avere la possibilità di osservare i neuroni in funzionamento fuori dal cervello (e quindi in assenza di rumore di fondo e della complessità tipica del nostro organo) può darci molte risposte.

Mentre il lavoro di Hanein è già utile per approfondire le conoscenze sul nostro sistema nervoso nel futuro si spera possa portare anche alla creazione di vere  proprie retine “prostetiche” (protesi artificiali per sostituire le parti biologiche danneggiate). Il team della scienziata è infatti riuscito a implementare la crescita dei neuroni su nanomateriale flessibile e quindi molto adatto ad essere inserito nell’occhio. Queste retine artificiali andrebbero a sostituire quelle attaccate da varie patologie, come per esempio la retinite pigmentosa, una malattia dell’occhio piuttosto diffusa e dalle conseguenze devastanti (che arrivano alla vera  e propria cecità).

Federica Sgorbissa
Federica Sgorbissa è laureata in Psicologia con un dottorato in percezione visiva ottenuto all'Università di Trieste. Dopo l'università, ha ottenuto il Master in comunicazione della scienza della SISSA di Trieste. Da qui varie esperienze lavorative, fra le quali addetta all'ufficio comunicazione del science centre Immaginario Scientifico di Trieste e oggi nell'area comunicazione di SISSA Medialab. Come giornalista free lance collabora con alcune testate come Le Scienze e Mente & Cervello.

3 Commenti

  1. PORTARE AVANTI VELOCEMENTE QUESTA INIZIATIVA– SIA BENEDETTO QUESTO SCENZIATOIL SIGNORE IDDIO LO AIUTI A STARE BENE PERCHE EGLI E DESTINATO AD AIUTARE L,UMANITA

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: