APPROFONDIMENTO

Mugugni

Images of earth showing reflected solar radiation on left and emitted heat radiation on right.In alcune  mail rubate alla Climate Research Unit (risultata innocente da ogni malefatta in una seconda inchiesta), il 14 ottobre 2009 Kevin Trenberth del Centro nazionale di ricerca sul clima a Boulder, Colorado, se la prendeva con dei dati contraddittori. Dai satelliti risultava che i gas serra catturano più radiazione solare di quanta ne rimandi la Terra nello spazio, ma non c’era verso di sapere dove finiva il calore aggiunto.  Gli interlocutori cercavano di calmarlo, e s’incavolava ancora di più.

.

Aveva un problema, ce l’ha tuttora. Su Science si sfoga di nuovo con l’aiuto del collega John Fasullo. Riassumiamo con parole nostre:

D’accordo, parte del calore sarà servito a sciogliere un po’ i ghiacci artici, antartici e groenlandesi come risulta dai dati dei satelliti gemelli Grace. Però se le leggi della fisica sono quelle che sono, il calore restante dev’essere finito negli oceani. Purtroppo le boe Argo disseminate sui flutti dieci anni fa sono poche, arrivano sì e no a 2.000 metri di profondità e si svegliano ogni 10 giorni. Con quelle serie miserelle, non si riesce a calcolare lo squilibrio del bilancio energetico planetario, a tener conto del Nino secco e della Nina piovosa, a migliorare i modelli di previsione regionali, a sapere se questo inverno rigido dell’emisfero nord è un fenomeno meteo normale o c’entra un cambiamento degli inquinanti, delle nuvole, di chissà che… Non siamo mica indovini!

.

Brontolo ha ragione. Per favore, qualcuno gli dia strumenti di lavoro decenti per distinguere la variabilità naturale e locale da quella mondiale indotta dai nostri gas-serra, o non la smette più.

1 Commento

  1. Nessuno ha calcolato l’enorme quantità di energia catturata dalla sintesi clorofilliana delle alghe verdi degli oceani e dalle piante terrestri? Certo, tutta l’energia accumulata viene regolarmente restituita quando le piante verdi vengono bruciate per combustione diretta e più ancora col metabolismo di tutti gli esseri viventi che di piante si nutrono, compresi i processi fermentativi dei microrganismi e l’ossidazione spontanea. C’è piuttosto da chiedersi se la massa terrestre rimanga invariata oppure venga incrementata dalle migliaia di meteoriti che bruciano nell’atmosfera e dal pulvisclo cosmico che entra nel raggio gravitazionale della Terra. Potrebbe avere a che fare con l’incremento del magma incandescente che si manifesta attraverso i vulcani ed i terremoti. E’ possibile pesare con sufficiante approssimazione tale incremento? Ho l’impressione che tutti i calcoli siano fatti un po’ a spanne e che tutti possano dire la loro, senza tema di essere smentiti.

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: