Uova al vapore

CRONACA – Scoperto in Argentina un incubatore naturale per uova di dinosauro, tenute al calduccio da sorgenti geotermiche.

Una volta deposte, le uova di rettili e uccelli non hanno grandi richieste: bastano un certo livello di umidità e un bel calduccio perché gli embrioni all’interno continuino in pace il loro sviluppo. E allora, perché non andare a deporLe proprio dove queste condizioni sono assicurate, per esempio in una zona vulcanica ricca di geyser e sorgenti idrotermali? Ecco: questo è esattamente ciò che facevano, un centinaio di milioni di anni fa, alcuni dinosauri giganti che avevano eletto una certa porzione della Sanagasta Valley, nella provincia argentina di La Rioja, a nursery preferenziale per le proprie uova, dove tornare periodicamente a deporle .

La scoperta del sito è stata annunciata ieri su Nature Communications dai due paleontologi che l’hanno effettuata: Gerald Grellet-Tinner, del Field Museum di Chicago, e Lucas Fiorelli, di un centro di ricerca di La Rioja (Crilar). Non è la prima volta che in Argentina si scopre un sito di deposizione di uova di dinosauro. Questo però è davvero speciale, perché gli 80 gruppi di uova individuati (ciascuno ne contiene da 3 a 12, ma ce ne sono anche di molto più ricchi, con 35 uova) si trovano molto vicini a tracce geologiche indicanti che proprio lì doveva esserci anche una sorgente geotermica, un geyser o altra struttura geologica simile. Insomma, un soffione caldo e umido proveniente dalle viscere della Terra.

Secondo Grellet-Tinner e Fiorelli le uova giganti – avevano un diametro medio di 21 cm (per avere un’idea: quelle di struzzo hanno un diamentro maggiore di circa 16 cm) – dovevano essere sepolte in profondità in un terreno piuttosto umido, in un raggio di 3 m da una struttura geotermica. Erano piuttosto spesse, ma di spessore variabile: più elevato (fino a 7,5 mm) appena deposte e più ridotto (poco più di 1 mm) verso la fine dello sviluppo embrionale, in modo che il piccolo all’interno potesse romperlo senza difficoltà. Il guscio aveva una struttura piuttosto porosa: i pori erano organizzati in modo da consentire il passaggio dell’acqua, ma non di piccoli sedimenti che potevano ostruirli.

L’analisi geochimica dei sedimenti rinvenuti sulle uova suggerisce che venissero incubate per 1-2 mesi, a una temperatura di 60-100°C. Purtroppo, nel sito non sono stati rinvenuti scheletri fossili, per cui è molto difficile stabilire a quale specie appartenessero esattamente le uova: di certo, doveva trattarsi di animali di enormi dimensioni. A dispetto del nome, invece, non è enorme  l’unico uccello vivente che si comporta in modo simile: il megapode della Polinesia (Megapodius pritchardii). Anche lui seppellisce le sue uova in terreni riscaldati da blande attività vulcaniche.

Valentina Murelli
Giornalista scientifica, science writer, editor freelance

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: