Cervello di gallina

CRONACA – Lento come una lumaca, furbo come una volpe, sano come un pesce: da sempre sfruttiamo il mondo animale quando vogliamo affibbiare al nostro prossimo tare o virtù in modo stereotipato. Da oggi però, forse, cervello di gallina non dovrà più essere considerato un’offesa.

Uno studio pubblicato su Pnas (Proceedings of the National Academy of Sciences) condotto proprio sui polli, Gallus gallus, ha dimostrato che i cervelli dei mammiferi e quelli degli uccelli sono molto più simili di quanto si pensava.

Nella nostra classe il cervello ha una struttura caratteristica, detta neocorteccia. È una struttura stratificata che avvolge gli emisferi cerebrali e, unicità anatomica a parte, è la regione dove gli stimoli sensoriali sono elaborati e dove, specialmente in alcune specie, risiedono le basi fisiologiche del pensiero e del linguaggio.

La neocorteccia, con la sua architettura a sei strati, è stata finora, forse con una punta di sciovinismo, una netta linea di demarcazione tra i mammiferi e il resto dei vertebrati, ma la ricerca, condotta all’University of California, San Diego (UCSD’s School of Medicine) ha rivelato che esiste una struttura del tutto simile anche negli uccelli.

I ricercatori hanno mappato un’area di cervello di pollo funzionalmente analoga alla corteccia uditiva dei mammiferi, scoprendone l’omologia nell’architettura: anche negli uccelli la corteccia può presentare una organizzazione a strati, tra loro interconnessi da neuroni organizzati in colonne corticali.

L’antenato comune di uccelli e mammiferi risale a 300 milioni di anni fa, ed è quindi plausibile che questo complesso circuito cerebrale fosse presente nella sua forma embrionale ancora prima della comparsa dei dinosauri, in un animale che ora potremmo classificare come “rettile”.

Origini filogenetiche a parte, come spiega Harvey J. Karten, professore della UC San Diego autore della ricerca, all’atto pratico gli uccelli, per via di questa omologia con i mammiferi, sono ottimi candidati come modello animale negli studi di neuroscienze.

Animali come gli uccelli erano visti come simpatici automi capaci solo di comportamenti stereotipati.

ma

Gli studi indicano che i circuiti computazionali alla base del comportamento complesso, sono condivisi da molti vertebrati.

La definizione stessa di “intelligenza” è da sempre un terreno molto scivoloso e inquinata da una buona dose di antropocentrismo.

Gli studi dimostrano infatti che anche fuori dall’ordine dei Primati possiamo trovare comportamenti talmente complessi da avvicinarsi alla cosa che più di altre distingue la nostra specie, cioè il linguaggio.

Ci si potrebbe addirittura chiedere cosa avrebbe potuto dire il famoso pappagallo Alex (morto nel 2007) di questa nuova ricerca.

Stefano Dalla Casa
Giornalista e comunicatore scientifico, mi sono formato all’Università di Bologna e alla Sissa di Trieste. Scrivo abitualmente sull’Aula di Scienze Zanichelli, Wired.it, OggiScienza e collaboro con Pikaia, il portale italiano dell’evoluzione. Ho scritto col pilota di rover marziani Paolo Bellutta il libro di divulgazione "Autisti marziani" (Zanichelli, 2014). Su twitter sono @Radioprozac

5 Commenti

  1. Insomma gli scienziati hanno scoperto l’acqua calda.Ho vissuto molti anni in campagna e ho osservato molti animali:Ancheloro sono più o meno intelligenti come gli umani.La chioccia averte i pulcini quando vede una poiana e cambia verso quando vede un cane.I pulcini appena sento l’allarme si radunano in gruppo e si fermano all’istante.Nel loro dna sono codificati i segnali di allarme.Insomma usano il cervello

  2. Sono d’accordo con lei, io ho allevato molti animali, tra cui dei comuni pappagallini inseparabili, e li ho visti cooperare per “farsi la doccia”: uno teneva premuto il pulsante del beverino e l’altro ne usufruiva, poi si scambiavano il ruolo. La novità della ricerca è che oggi sappiamo perché e non dobbiamo più stupirci. E’ noto anche che i dinosauri più filogeneticamente vicini agli uccelli avevano comportamenti complessi, ed è perlomeno plausibile che la causa fosse la stessa.
    Ma non è necessario avere la corteccia per essere intelligenti http://oggiscienza.wordpress.com/2010/07/14/polpo-indovini-o-solo-cervelloni/

    1. Molti di più! Rif. Irene Pepperberg, The Alex Studies, Harvard University Press. E’ il pennuto con il più alto citation index in letteratura – forse ex aequo con la corva Betty.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: