CRONACA

I cinesi in Antartide

Gli astronomi cinesi stanno progettando due nuovi telescopi sulle alture dell’Antartide per osservare i pianeti extra solari, la formazione di stelle, materia ed energia oscura.

NOTIZIE – Dopo l’apertura lo scorso anno della stazione Kunlun, inaugurata il 2 febbraio 2009, i ricercatori cinesi hanno un altro progetto molto ambizioso in Antartide che andrà ad ampliare la già formidabile dotazione di ricerca nel continente antartico: costruire altri due strumenti nella zona Dome A, a partire dal 2011 per essere completati entro 5 anni.

Il primo sarà uno strumento di 2,5 metri, il Kunlun Dark Universe Telescope, in breve KDUST: osserverà i pianeti extra solari nella banda ottica e infrarossa e cercherà di fare luce su materia ed energia oscura. Il suo compagno avrà un’apertura di 5 metri e osserverà le micronde tra 200 e 350 micrometri di lunghezza d’onda, una finestra praticamente sconosciuta. Lo scopo è indagare la formazione di stelle e pianeti che si nascondono all’interno di nubi di gas e polveri e rimangono quindi invisibili alla maggior parte degli strumenti.

L’impresa costerà 1 miliardo di yuan, circa 120 milioni di euro e rientra nel dodicesimo piano quinquennale della Repubblica Popolare cinese.

L’Antartide è un ottimo luogo per le osservazioni astronomiche perché l’aria è asciutta, limpida e completamente priva di polveri, e quindi permette un’ottima visibilità. In particolare Dome A, o Dome Argus, dal nome del carpentiere che costruì la nave di Giasone e degli argonauti,  si trova a 4093 metri sul livello del mare, la massima elevazione del plateau antartico, il che migliora ulteriormente le condizioni.

1 Commento

  1. Bravi i Cinesi. Da noi invece non si fa nulla. Investissero anche da noi qualche soldo nella ricerca… non dico astronomica, in qualunque campo.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: