FUTURO

iThink

FUTURO – A meno che non siate vicini alle posizioni del Vicepresidente del CNR in materia di biologia, potrebbe esservi capitato di soffermarvi a osservare un animale o una pianta, o anche un fungo e chiedervi:

<<Quanto sono imparentato con questo essere, e quanto tempo c’è voluto perché la mia e la sua specie arrivassero a condividere questo pianeta, da quando le nostre strade hanno preso un destino diverso?>>

È una domanda tanto semplice quanto profonda, ma per una risposta accurata l’unica strada è cercare informazioni sulla stampa specialistica, compito che, nonostante Internet, non è certo immediato.

Così la curiosità, nella maggior parte dei casi, continua a rimanere insoddisfatta, ma ci si può accontentare di ammirare uno dei tanti alberi della vita che approssimano le relazioni di parentela filogenetica tra le specie attualmente esistenti, a partire da quello che Darwin stesso tracciò nel famoso schizzo del 1837.

Almeno fino ad oggi.

Ora i possessori di iPod, iPhone e iPad, rispettivamente il lettore multimediale, il telefono e il tablet della Apple, possono collegarsi all’Apple Store e scaricare gratuitamente una app, che attraverso una semplicissima interfaccia, permette di confrontare tra loro due specie, restituendo come risultato quando è vissuto il loro antenato comune.

Come funziona?

Una volta inserite le due specie, è generata una query che va a scandagliare via Web i database dell’ NCBI (National Center for Biotechnology Information) dove sono continuamente aggiornate e archiviate le sequenze genomiche inviate dai laboratori di tutto il mondo. Le sequenze di riferimento delle due specie sono allora confrontate e, in base ai principi dell’orologio molecolare, il software calcola il risultato.

In questo video, Kelly M. Lipp, ricercatrice del team di Hedges, spiega nei dettagli come scaricare e utilizzare la App

Come mostra anche il video, questa applicazione è una versione portatile del software on-line TimeTree che il professor Blair Hedges e il dottor Sudhir Kumar hanno sviluppato alla Penn State University e che è stato lanciato un anno fa in occasione del bicentenario dalla nascita di Charles Darwin. Dal sito del progetto, è possibile scaricare in pdf il libro che ne racconta la storia, il significato e gli obiettivi, come pure è disponibile il download a alta definizione di un poster divulgativo, con un albero filogenetico di 1.610 famiglie da tutti i Domini della natura, e che tiene conto del tempo geologico.

Stefano Dalla Casa
Giornalista e comunicatore scientifico, mi sono formato all’Università di Bologna e alla Sissa di Trieste. Scrivo abitualmente sull’Aula di Scienze Zanichelli, Wired.it, OggiScienza e collaboro con Pikaia, il portale italiano dell’evoluzione. Ho scritto col pilota di rover marziani Paolo Bellutta il libro di divulgazione "Autisti marziani" (Zanichelli, 2014). Su twitter sono @Radioprozac

2 Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: