IL PARCO DELLE BUFALE

Contro lo stress da rientro delle vacanze

Il collega Stefano Dalla Casa ha accompagnato qui  una mandria di bufale in libera uscita il 21 dicembre sul Giornale. Per motivi  di tempo, la custode si limita a descrivere l’esemplare più inusitato.

IL PARCO DELLE BUFALE In un ampio “speciale omeopatia“, la multinazionale Guna di Alessandro Pizzoccaro rivela  tra l’altro di aver scoperto la “sindrome da stress da rientro”, la quale a vacanza ultimata ci  affligge puntualmente con

Senso di stordimento, calo dell’attenzione, mal di testa, digestione difficile,  raffreddore, mal di gola, tosse, tensione e dolori muscolari, calo della libido,  insonnia, stanchezza sono solo alcuni dei sintomi che viviamo una volta messo piede  a terra dalla scaletta dell’aereo che ci riporta in città…

Contro questi e altri sintomi di SSR, ci viene prescritta una cura a base di

– Guna-Brain, pillole colorate con ossido di titanio che combattono l’invecchiamento cerebrale;

– Tonico Guna che stimola le funzioni intestinali e “l’intero asse psico-neuro-endocrino-immunologico”;

– Proflora che stimola le medesime funzioni;

– Fiori di Bach Guna in spray orale che “armonizzano la psiche” per soli 1.350 euro al litro.

La ditta raccomanda inoltre l’assunzione regolare di rimedi omeopatici “e dintorni” validi sia per “Anti-ageing” che “Wellness” e talvolta sotto lo stesso nome, ma con proprietà diverse, contro i sintomi dell’SSR. “Drenanti”, lassativi, rilassativi o “disintossicanti” vanno presi per almeno due mesi l’uno ogni anno, assicurando il benessere del signor Pizzoccaro e della multinazionale Guna, il cui nome in sanscrito significa wellness.

8 Commenti

  1. Fantastico soprattutto il link ai benefici effetti del titanio. A volte faccio un po’ di “ricreazione” su mednat, ma questa mi era sfuggita. Probabilmente è sfuggita anche al sig. Pizzoccaro, se no, vuoi mica che usava una cosa così tossica? O proprio per quello, più la diluisci e…?

  2. Che poi basterebbe spalmare un velo di yogurt BIO alle cozze tarantine sulla parte infiammata ogni 7 minuti per 3 giorni stando attenti a non sbadigliare mai, se solo non fosse per la diossina.

  3. Salve a tutti, l’ufficio stampa Guna – a nome dell’Azienda – ringrazia per l’attenzione che le avete rivolto, con un ringraziamento particolare da parte del dott. Pizzoccaro, che in effetti gode di ottima salute, assumendo quotidianamente Lui stesso rimedi Guna per prevenire le malattie… 😉 Interveniamo solo per precisare che il “pericoloso” Ossido di Titanio (dannoso si, ma solo quando usato in quantità significative, come ad esempio per le otturazioni dentali, come ricordato dalla scheda Mednat che avete linkato) in questo caso altro non è che il colorante E171, ottenuto dalla Ilmenite ( http://it.wikipedia.org/wiki/Ilmenite ). Se ne ricava un colorante bianco classificato dall’Unione Europea con “effetti nocivi: nessuno noto”. Peraltro, l’E171 è utilizzato da Guna in quantità realmente infinitesimali, in quanto le pillole di Guna Brain sono verdi (colorate con clorofillina, come indicato sulla confezione) e l’E171 ha quindi i questo caso solo funzione di “collante” per tenere assieme il pigmento naturale. Il Tonico Guna è un riequilibrante delle funzioni neuro-endocrine, con riflessi positivi sul sistema immunologico: parte di quest’azione si esercita a livello intestinale, interessando il sistema neuro-vegetativo (in effetti si usa parlare dell’intestino come di un “secondo cervello” dell’organismo umano). Un ultima osservazione sui Fiori di Bach: vero, 1.350 euro circa al litro, ci si dimentica di dire però che con un litro di prodotto – debitamente prescritto in micro-dosi – è possibile intervenire sui postumi da stress dell’intero Esercito Italiano per un anno intero…!
    Grazie per l’utile occasione di confronto e buona navigazione sul web 🙂

  4. @Davide
    dubito che l’ufficio stampa apprezzi il suo intervento. Due esempi:
    “si usa parlare dell’intestino come di un “secondo cervello”?
    In un’azienda che vende purganti può darsi, ma eviterei di farlo sapere in giro. In realtà “secondo cervello” sta per sistema nervoso enterico.

    “l’Esercito italiano”
    Dai suoi calcoli consterebbe di 100 persone (1 flacone l’una = 1.350 euro). Omeopatico, insomma.

    Grazie delle risate.

  5. Mi permetto di infilare qualche dato, arrotondando per semplicità.
    L’esercito italiano supera le 100.000 unità, ma prendiamo solo quelle attualmente impegnate in missione, che arrotondiamo a 10.000 unità.
    Ora: un litro equivale 1000 millilitri.
    1.000/10.000= 0,1 milliltri
    Sempre per semplicità, assumiamo che la terapia preveda una, e una sola, assunzione giornaliera di questa quantità
    0,1/365=0,0002 milliltri cioè 2 decimi di microlitro, se non vado errato.
    Ovviamente, siamo ancora ad anni luce dalle diluizioni omeopatiche, ma lo siamo anche dalle dosi di solito consigliate per i fiori di bach.
    Mi risulta che una boccetta sia provvista di un contagocce, non di pipette da laboratorio: non si teme una overdose?

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: