mercoledì, Dicembre 19, 2018
ricerca

Darwin, Lamarck & Co: le matricole.

Nel blog di un naturalista si segnala un’anomalia: su Wikipedia le voci dedicate ad alcuni tra i più importanti naturalisti sono piene di grotteschi strafalcioni.

WEB & NEW MEDIA – La forza di Wikipedia è che chiunque può contribuire e in tutto il mondo quelle pagine scritte, riscritte e aggiornate da più volontari possono diventare un valido archivio di informazioni. Sfortunatamente la sua forza è anche la sua debolezza e non sempre l’autoregolamentazione della comunità wikipediana è sufficiente a garantire la qualità di tutte le pagine. Questo si verifica per i più vari fattori: troll e vandali fanno certo la loro parte, ma c’è anche da considerare il numero, la competenza e la serietà degli utenti, come pure l’etica degli amministratori. Come rimarcato più volte dal blog Perle Complottiste a volte, purtroppo, wiki diventa una palestra per bulli senza alcun riguardo in particolare per una delle principali linee guida, cioè l’uso delle fontiDell’imperfezione (inevitabile) del mezzo hanno però fatto le spese pagine particolarmente importanti dal punto di vista storico e scientifico: quelle dedicate a Charles Darwin, Jean-Baptiste Lamarck, Alexander von Humboldt e ad altri punti di riferimento nella storia delle scienze naturali sono zeppe di anacronismi e grossolani errori, anche molto rilevanti.

Darwin, stando a wikipedia, mentre si trovava a Cambridge per i suoi studi di teologia «si iscrisse anche alla facoltà di Biologia, diplomandosi in Zoologia e Botanica, si dedicò anche ad uno studio della Geologia, sebbene con meno interesse, rispetto alle discipline biologiche».

Per prima cosa, nella prima metà del XIX secolo non esisteva nessuna Facoltà di Biologia, né corsi di laurea paragonabili a quelli odierni e, termini a parte, le attività di Darwin a Cambridge sono bene note: come quando era costretto a studiare medicina a Edimburgo, trovò il modo di coltivare “in proprio” il suo amore per la storia naturale, incoraggiato da celebri naturalisti come il professor John Henslow, senza l’aiuto del quale (probabilmente) Darwin non sarebbe mai potuto salire sul brigantino Beagle che lo avrebbe portato per cinque anni intorno al mondo. All’epoca ribolliva ancora il calderone della filosofia naturale accanto a quello della teologia, solo in seguito sarebbe stato distillato. Per quanto riguarda Darwin e la geologia, non è vero che Darwin a Cambridge all’inizio era poco interessato alla geologia, questo succedeva ma a Edimburgo dove Darwin trovò un po’ noiose le lezioni di Robert Jameson. Al contrario a Cambridge Darwin si appassionò molto alla geologia, e quando salì sul Beagle portò con sé Principi di Geologia di Charles Lyell, un autore che già aveva preso posto tra i tanti che contribuirono alla formazione del suo pensiero.

La pagina di Darwin è in generale molto carente, con informazioni parziali e slegate fra loro, ad esempio in una sezione si dice che Thomas Henry Huxley si è opposto alla teoria dell’evoluzione e in un’altra si accenna che ne è stato strenuo difensore, ma non c’è traccia di come questa importante metamorfosi sia avvenuta, di quali fossero i motivi del suo iniziale scetticismo né di quali critiche continuò ad avanzare all’amico e alla sua teoria anche quando ormai era noto come Il bulldog di Darwin.

Veniamo a Lamarck, che secondo wikipedia «conseguì la laurea in Scienze Biologiche, specializzandosi in Zoologia e Botanica all’Università di Parigi nel 1774». Vale lo stesso discorso di prima: non esisteva una laurea in Scienze Biologiche, né esistevano corsi di specializzazione. Per di più (come del resto si legge qualche riga sopra) fu lo stesso Lamarck a coniare il termine “biologia”. La pagina di Lamarck poi è più un trafiletto, con una sola nota e con bibliografia totalmente assente. Tuttavia non c’è nessun template che segnali al lettore quanto sia incompleta la pagina e che inviti gli utenti a contribuire per referenziare adeguatamente le informazioni, come quello che invece si vede nella pagina dedicata ad Alfred Russell Wallace, comunque molto più completa.

Altri naturalisti su Wikipedia sono stati colpiti dall’epidemia di anacronismi e si scopre che anche Alexander von Humboldt, tra gli eroi di Darwin, «si laureò nella facoltà di Scienze Biologiche all’ Università di Gottinga, nel 1793» bizzarro perché Gottinga l’aveva lasciata nel 1790 per dedicarsi alle miniere in quel di Friburgo, e così pure Buffon, addirittura antecedente a Lamarck, è riuscito a studiare «alla facoltà di Biologia dell’ Università di Parigi, conseguendo il diploma nel 1729» solo che nel ’29 Buffon a Parigi non c’era nemmeno, e così via.

Senza voler togliere nulla ai Wikipediani che, su base totalmente volontaria, investono tempo ed energie per dare il loro contributo, si segnala solo che queste pagine sono oggettivamente insufficienti e a tratti platealmente disinformanti e c’è bisogno dell’impegno di tutti quelli che possono per migliorarle. Sappiamo bene che quando cerchiamo un’informazione su Google le pagine di Wikipedia a riguardo appaiono nei primi risultati, ed è inutile illudersi: se siete insegnanti potete essere certi che i vostri alunni per fare una ricerca accorreranno a Wikipedia come le api al miele.

Tornando a Darwin, inoltre, ci sarebbe l’occasione per approfondire il suo interessante rapporto con l’Italia, che nemmeno nella Wiki inglese,  dove si può contare su molti volontari, è mai nominato.

 

 

Stefano Dalla Casa
Giornalista e comunicatore scientifico, mi sono formato all’Università di Bologna e alla Sissa di Trieste. Scrivo abitualmente sull’Aula di Scienze Zanichelli, Wired.it, OggiScienza e collaboro con Pikaia, il portale italiano dell’evoluzione. Ho scritto col pilota di rover marziani Paolo Bellutta il libro di divulgazione "Autisti marziani" (Zanichelli, 2014). Su twitter sono @Radioprozac

6 Commenti

  1. Del resto, lo stesso Darwin diceva di sé: I was born a naturalist.

    Grazie per aver dedicato un po’ di attenzione ai sempre più bistrattati naturalisti…

  2. Ma quante ca….. dite, siete proprio dei patetici naturalisti, corso di laurea INUTILE, equivalente a un liceo scientifico, non esiste un corso di laurea in sc naturali in nessun paese al miondo solo in Italia perché non conta niente, nato come classe regia per l’insegnamneto nelle scuole elemnatri, mentre sc biologiche come corso accademico serio. I biologi li trovi ovunque, sono olistici, voi site patetici.

    Per gli anglosassoni (vivo in UK e sono biologo zoologo direttore di un parco naturale) per naturalista s’intende una persona dedita allo studio della Natura e non laureato in sc naturali corso di laurea inesistente in UK, Francia, Germani, Austrai, Svezia, USA, Asia, Africa Oceania non esiste sc naturali, mi sono laureato all’università di Leeds, siete patetici ve la suonate e ve la cantate da soli, fate esami di zoologia patetici, lo stesso per la botanica, per il semplice motivo che non studiate né la biochimica, né l’anatomia, né la fisiologia se non quattro accenni e il biologo fa esami di embriologia e esami di biochimica, anatomia comparata e zoologie, botaniche e fisiologie, ecologie, etologie complete. All’Università la Sapineza di Roma il corso di Etologia applicata il biologo afferisce direttamente, il naturalista previa valutazione del cv, cioè non vi è corrispondente questo esame, k von frisch, n. tinbernge (leggete i loro libri) erano laureati in biologia (sc naturali non esistre da nessuna parte un’accozzaglia di niente, ma con quale presunzione con tre esametti vi volete peragonare a un biologo o un geologo che fanno il loro intero corso di laurea in questi campi?) k lorenz era medico e per non cadere nel ridicolo conseguì un PhD in zoologia alla facolta di Biologia dell’Università di Veinea, leggete il suo libro “l’altra faccia dello specchio, dove lui stesso lo spiega, patetici naturalisit”, i biologi hanno programmi che sono triplo dei vosti programmi.
    Quando i professori devono insegnare a sc naturali si mettono le mani nei capelli perché è il corso di laurea (esistente solo in Italia) peggiore che esista e dove vanno a finire chi ha fallito in facoltà serie come Biologia, Geologia, Medicina per avere un pezzo di carta e da voi si laureano con 110/110 cin lode in 4 anni, perché fate esami ELEMNTARI, 19 esami di 50 pagine l’uno. Inoltre, Darwin non aveva nessuna laurea in sc naturali vi arrogate titolie e persone che nno vi corrispondono (è solamente un vostro patetico e ottuso modo di credere allae favole) Darwin era laureato in Teologia e studio sotto l’egida di un biologo e un geologo a Cambridge, andate al museo di Cambridge e leggete cosa c’è scritto là, non le cazzate che sparate voi.
    Secondo, Lamarck non ha coniato nessun termine Biologia, ma lo fece Tervinarius, vedi Storia delle Scienze Biologiche “Treccani Enciclopedia” siete dei veri e popri ignoranti.
    La zoologia, come la botanica sono branche delle scienze biologiche come lo sono loa biologia molecolare, l’ecologia, l’etologia e l’anatomia comparate, l’ittilogia, l’ornitologia e l’entomolgia e la biologia marina, la maricoltura, l’licicoltura e lo sono la farmacologia, al biologia cellulare (di cui siete TOTALEMNTE IGNORANTI più che in zoologia e botanica dove già imparate solo 4 nomi a memoria nno avendo nozioni di fisiologia animale).
    Uno zoologo è un biologo.
    In UK ci si laurea in Biologia per essere zoologi, botanici, ecologi, etologi, etnobiologi.
    Ma non solo, andiamo a fare le statistiche dei Prof di Zoologia (come Luigi Boitani, R Argano, F Boero che sono tra i più rinomati zoologi Italiani e tutti e tre laureati in Sc Biologiche o Danilo Mainardi, Enrico Alleva, e il compianto Giorgio Celli etologi ed ecologi e tutti e tre laureati in Scienze Biologiche) lo stesso per la botanica, ma non solo, andiamo anche a paleoantropologia Prof Giorgio Manzi scopritore negli anni ’70 del secolo scorso del Cranio di un uomo di Neanderthal nelle grotte del Circeo, direttore del Museo di Paleontologia Umana, docente di Ecologia Preistorica, Paleonatropologia, Antropologia e Biologia Archeologica, guarda caso laureato in Sc Biologiche, oppure A Coppola, uno dei più rinomati etnologi e paleobiologi, scopritore dei culti funerari del Paleolitico inferiore in reperti del Nord Italia, guarda caso laureato in Sc Biologiche, bhe le statistiche dicono che il 95% delle cattedere di Zoologia, Botanica, Etnologia, Ecologia, Etologia, Anatomia Comparata, Biologia Marina, Botanica sono dirette da laureati in Scienze Biologiche.
    Ma dove stanno sti naturalisti? Alle scuole medie.
    Poi, lo Zoo di Roma (oggi bioparco) e Museo di storia Naturale di Roma direttore Fulvio Fraticelli Biologo, lo stesso per il Museo Tridentino delle scienze naturali, e lo stesso per quello di Milano, Ferrara, Bolgona, Parco naturale del Circeo direttore un biologo, lo stesso per quello Nazionale del Gran Paradiso, e per quello d’Abruzzo alla cui fondazione partecipò Franco Tassi biologo durante gli anni ’60 del XX secolo, oppure parliamo dello Zoom di Torino direttore un biologo daniel sanchez, o dell’Acquario di Genova, o di Oltremare direttori biologi, della riserva di Fasano direttore Fabio Rausa biologo, o del parco Natura Viva, direttore Cesare avesani biologo, oppure di vari Istituti Zooprofilattici in cui i direttori o sono biologi o veterinari, oppure il direttore dell’ex Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica, Girogio Tosi, biologo, o dell’Unione Italiana Zoo e Acuqari, cinzia sulli Biologoa, oppure deel’Unione Zoologi Italini Prf L Boitani biologi, addirittura la Società di Scienze Natruali Italiana (basta andare sul sito ci sono i cv) il direttore è un Biologo.
    Ma fatemi il piacere, fate 19 esami (tre esameeti di biologia, 4 esametti di geologia con programmi liceali) e rompete le palle ai biologi e geologi che nel fanno 29 ciascuno nei loro argomenti (i primi animali e piante e per chi prende l’indirizzo biomedico sanitari, o antropologico).
    Ma andate a casa a dormire che è meglio. Si come no, darwin naturalista, darwin scienziato nessuna laurea in sc naturali ma amico di T Huxley BIOLOGO il Mastino di Darwin senza il quale il sig Darwin si ca…..a addosso nei confronti della chiesa.
    Rosicate, rosicat è questa LA VOSTRA SPCILAZZAZIONE, voglio proprio vedere il naturalista tra sieri e vaccini in laboratio gli scoppia la testa, oppure su campo a studiare leoni o tigri quando non sa nenache perché etologiacamente parlando questi felini (che per voi al massimo sono gatti), si nutrono subito del fegato appena uccisa la preda, cosa che io so perché conosco la biochimica in quanto biologo, è inutile che andate a cercare su internet (io uso i libri) per far sapere che lo sapete a me in quanto biologo i prof zoologi (laureati in biologia) me lo spiegarono nei corsi di zoologia, penso ancora a John Goddard fondatore del Serengeti (laureato in biologia specializzato in conservazione della faun) insieme a un biologo polacco, o a Gerog Schaller biologo e uno dei massimi esperti di leoni, tigri e gorilla, oltre che di Panda gigante, o Jaen Goodal laureat in Sc Biologiche e Dian Fossey laureata in Scienze Biologiche o Jonathna Kingdon massimi esperti di primati o Ian Donovan di elefanti insieme a Michael Fay, biologi, ma dove stanno sti naturalisti? Non contante niente. M

  3. Gentile (si fa per dire) signor Marco, la invito a moderare i toni e non insultare le persone. Un altro commento del genere non verrà pubblicato

  4. Gent.ma Sig.ina (si fa per dire, anche difficile solo da pensare),

    non ho alcun interesse a pubblicare altro ancora, su un diciamo così gentilmente “Grottesco sito di piccoli massoni pronaturalisti puerili”, ma la prossima volta che vedo un solo insulto (cosa che fate spesso) ai biologi, senza alcuna ragione, perché a noi di voi, non frega nulla (se non contate niente il problema è solo vostro, che non siete capaci di farvi vedere), manderò i posto con i nomi all’Ordine Nazionale dei Biologi (ONB), il quale provvederà a tutelare la classe porfessionale, attenzionandovi!
    Le auguro una buona giornata
    M

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: