CRONACAIN EVIDENZA

2010: record di emissioni di CO2

L’Agenzia Internazionale per l’Energia (IEA) ha pubblicato i dati relativi alle emissioni di CO2 dello scorso anno: 30,6 gigatonnellate, il 5% in più del 2009 a un passo dal limite di 32 gigatonnellate stabilito per il 2020.

NOTIZIE – Il 2009 aveva fatto ben sperare con una lieve flessioni delle emissioni, dovuta dalla crisi economica. Il 2010, invece, malgrado la crisi non sia retrocessa, le emissioni sono aumentate raggiungendo un record assoluto. Inoltre, avverte l’IEA, non siamo molto distanti dal limite insuperabile stabilito per il 2010 di 32 gigatonnellate, e mancano però ancora 10 anni.

Questo significa che sarà molto difficile contenere l’aumento della temperatura globale entro il 2°C, concordato a Cancun lo scorso anno durante la Conferenza mondiale sul clima.

Per raggiungere questo obiettivo le emissioni di CO2 devono essere ulteriormente contenute, e in generale l’aumento dovrà essere ridotto rispetto a quello che si è misurato dal 2009 al 2010. Sempre secondo il rapporto della IEA, le emissioni provengono per il 44% dal carbone, 36% dal petrolio e il 20% dal gas naturale. Malgrado i paesi OECD  siano tuttora responsabili per il 40% delle emissioni totali, nell’ultimo anno hanno contribuito per il 25% della crescita, mentre Cina e India hanno avuto un’incidenza molto maggiore dato il loro rapido sviluppo economico.

Per altri dati consultare la pagina dei fatti dell’IEA.

3 Commenti

  1. Cioè di questo passo quest’anno lo superiamo il limite di 32 gigatonnellate. E l’attuale fobia post Fukushima per il nucleare rende ulteriormente meno probabile un rallentamento della crescita della CO2. Insomma l’unica ancora di salvezza sarebbe un’altra crisi economica.. Bella prospettiva: crisi economica o ambientale?

  2. dai su… che quest’anno con un po’ di sforzo lo superiamo nuovamente 😀
    noi umani ci facciamo sempre conoscere, distruggere è la nostra natura…

    a meno di una nuova scoperta energetica “veramente pulita” il nostro destino è segnato. La preoccupazione non va al pianeta Terra, che tanto è capace di rigenerarsi come ha già fatto in passato, quanto piuttosto al genere umano.

    pensando poi che la richiesta di energia nel futuro prossimo è destinata ad aumentare drasticamente… dimostrato dai tanti paesi desiderosi di “rinascere”, la gente vuole il benessere come potremmo noi occidentali negarlo?

    il nucleare non è la soluzione, le rinnovabili di oggi hanno poca potenza… resta la fusione nucleare o magari una a lungo sognata fusione fredda (sulla quale poi nessuno investe una lira).

    futuro?… mistero…
    qualche filosofo lo troverebbe… stuzzicante 😀

    un saluto 😉

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: