CRONACAPOLITICA

Per un genetista e migliaia di dalit

POLITICA – Partho Sarothi Ray dell’Indian Institute of  Science and Educationpluripremiato per le ricerche sul ruolo degli RNA nella regolazione genica e sul virus dell’epatite C, è stato fermato a Kolkata l’8 aprile durante una dimostrazione pacifica. Accusato di cospirazione contro il governo del West Bengala, è tuttora detenuto insieme ad altri sei militanti per i diritti umani.

P.S. Ray –  fondatore di Sanhati insieme ad altri ricercatori – chiedeva la ricollocazione come da leggi statali  dei dalit espulsi il 30 marzo dallo slum di Nonadanga, all’origine destinato dall’amministrazione ad espulsi e rifugiati da altre zone della città. I capi d’accusa riferiti dal Times of India, un quotidiano moderato, sono inquietanti

legami con la guerriglia maoista, detenzione di armi, munizioni ed esplosivi.

In attesa di giudizio, gli imputati i restano in carcere per “assembramento illegale” e “attacco alla polizia”, due fatti smentiti da reportage televisivi. In sostanza

Il Pubblico Ministero ha ritenuto che ogni forma di dissenso democratica e pacifica costituisce una cospirazione a scopi sovversivi.

Con accuse simili, militanti per i diritti umani sono stati ripetutamente “interrogati” per ottenere informazioni su depositi di armi ed esplosivi. Interrogati tra virgolette perché in caso di sospette attività terroristiche la tortura è d‘uso corrente.

Mentre proseguono le proteste non violenti per far rispettare i diritti degli espulsi da Nonadanga, alcuni biologi indiani e americani raccolgono firme sotto una petizione indirizzata a Mamata Banerjee, prima ministra del Bengala Occidentale. Chiedono la liberazione di P.S. Ray e degli altri arrestati, e il ritiro delle accuse “assurde” prima che siano “interrogati”.

Per informarsi oltre

Per firmare

Credito immagine: P.S. Ray

1 Commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: